Notizia Oggi

Stampa Home

A Boca il monumento alla bicicletta per ricordare i campioni del passato

Era stato eretto una dozzina d’anni fa
Articolo pubblicato il 03-11-2017 alle ore 08:55:10
A Boca il monumento alla biciclette per ricordare i campioni del passato 3
Il monumento

Boca e il ciclismo, un legame indissolubile. Nelle scorse settimane è stato arricchito il monumento dedicato a Domenico Piemontesi ed Ermanno Vallazza, due campioni della bici che corsero negli anni Venti e Trenta, il cui ricordo è ancora vivo nella mente dei loro concittadini bochesi. Il monumento sorge vicino alla chiesa della Baraggia, frazione natale dei due sportivi. Era stato eretto una dozzina d’anni fa, sotto il mandato del sindaco Mirko Mora. L’idea nacque da un appassionato di ciclismo del luogo e partì da un semplice masso, su cui poi l’amministrazione pose una lapide in memoria delle loro “epiche vittorie”, che diedero lustro a tutto il paese del vino. Circa un mese fa, il monumento è stato arricchito fissando una bicicletta: non una qualsiasi, ma una Bianchi, marchio utilizzato da Piemontesi. Poco tempo fa, infine, grazie alla collaborazione di un’impresa specializzata, sono state posizionate le fotografie dei due ciclisti. Negli anni scorsi, inoltre, è stata loro dedicata una via nella zona del ristorante Lampara e per due anni è stata organizzata una corsa ciclistica alla loro memoria.

La storia dei due atleti, che oggi riposano nel cimitero del paese, è decisamente suggestiva. Domenico Piemontesi era noto come il “ciclone di Boca”. Nato nel 1903, corse fra i professionisti dal 1922 al 1938. Nella sua carriera vinse ben undici tappe nei giri d’Italia su dodici edizioni e nel 1927 si aggiudicò il terzo posto ai Campionati del mondo, salendo sul podio con fenomeni del ciclismo del calibro di Alfredo Binda e Costante Girardengo. Al suo attivo anche dei primi posti nel Giro di Lombardia (1933), nel Giro della Provincia di Milano (1934), nel Tre Valli Varesine (1922), nel Giro dell’Emilia e nella Milano Modena (entrambe nel 1927). Al Tour de France, invece, partecipò due volte, ma si ritirò in entrambi i casi prima della conclusione. Venne a mancare nel 1987.

Anche Ermanno Vallazza corse fra i professionisti. Nato nel 1899, nel 1923 si diplomò campione italiano della categoria dilettanti. L’anno dopo ebbe inizio la sua carriera professionale. Nel 1926 vinse la coppa Placci e partecipò a tutti i Giri d’Italia tra il 1924 e il 1929. Sebbene non sia riuscito a salire sul gradino più alto del podio nelle corse più importanti, si è distinto con diversi buoni risultati: al Giro d’Italia ha ottenuto per due volte il quarto posto. Al Giro di Lombardia ha conquistato per due volte il terzo posto, mentre alla Milano-Sanremo ha registrato un sesto posto. Nel 1924 ha partecipato anche al Tour de France, portando a casa un rispettabile 13° posto. Visse sempre a Boca e si spense proprio in paese, nel 1978.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...