Notizia Oggi

Stampa Home
Cultura

A Campertogno in scena ''Novecento''

Stasera appuntamento a teatro
Articolo pubblicato il 25-03-2017 alle ore 06:59:49
Campertogno ospita la cultura
Campertogno ospita la cultura

Stasera a Campertogno prosegue l'ottava rassegna Teatrale “Teatrando 2017” realizzata dalla ferrea volontà del sindaco Paolo Vimercati con l'essenziale supporto della Fondazione Crt. Siamo al quarto spettacolo della rassegna di quest'anno, come sempre diretta da Daniele Conserva. Si prevedeva la presentazione a cura della compagnia “Fiorile e Messidoro” della commedia di Dario Fo “Coppia aperta, quasi spalancata”, in onore del famoso drammaturgo premio Nobel scomparso da poco, ma una indisposizione di uno degli interpreti ha forzatamente cambiato il programma. Verrà dunque rappresentato “Novecento”. “Novecento” è, secondo le parole dell'autore stesso - Alessandro Baricco -, "un testo che sta in bilico tra una vera messa in scena e un racconto da leggere ad alta voce". Seguendo queste indicazioni, messe a prefazione del libro, l'associazione culturale "Fiorile e Messidoro" ha costruito questo spettacolo. Una voce, infatti, quella di Costanza Daffara, racconterà la storia di Novecento, il pianista sull'oceano, accompagnata da musiche blues "da far piangere un macchinista tedesco", dixie "molto allegre e sostanzialmente idiote", ragtime "la musica su cui Dio balla, quando nessuno lo vede" e... "Quando non sai che musica è, allora è jazz". Spiega Conserva: «Grazie all'atmosfera di voce, musica e luci create per l'occasione da Luigi Gabriele Smiraglia avrete quindi la possibilità, ai piedi del Monte Rosa, di sentirvi "in mezzo al mare quando la terra è solo più luci lontane, o un ricordo, o una speranza"». La regia è di Costanza Daffara e Luigi Gabriele Smiraglia. Appuntamento sabato alle 21,15 al teatro Frà Dolcino di Campertogno, ad ingresso libero.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...