Notizia Oggi

Stampa Home

A Cellio 26 cantieri aperti in quasi due anni

Alcune località erano rimaste isolate
Articolo pubblicato il 09-09-2016 alle ore 16:39:43
A Cellio 26 cantieri aperti in quasi due anni 2
La nuova strada per Arva

A quasi due anni dall’alluvione del novembre 2014, a Cellio sono terminati tutti i lavori alle strade che erano state seriamente danneggiate dal maltempo. A eccezione della strada che attraversa località Morina, in frazione Carega, i cantieri sono conclusi nelle numerose frazioni che erano state interessate dalle intense piogge.

I lavori per “rimettere in piedi” Cellio sono iniziati praticamente subito, ma il grosso è stato eseguito negli ultimi mesi: «Finalmente tutto è tornato alla normalità - commenta Andrea Perino, assessore alla viabilità e protezione civile di Cellio -. In questi due anni nel nostro paese sono stati aperti ben 26 cantieri: c'erano danni ovunque, alcuni purtroppo molto gravi e altri di entità minore ma che costituivano pur sempre un pericolo per la sicurezza».

Se il centro dell'abitato è stato colpito relativamente poco, differente la situazione per le frazioni: «Ci sono state alcune località isolate per il crollo delle strade e dei ponti - continua Morino -: i disagi maggiori si sono registrati a Baltegora, Arva, Agua, Orello e Carega. E' stato proprio in queste carrozzabili che si sono verificati i danni peggiori, e che dunque è stato necessario eseguire interventi molto seri». Il costo complessivo di tutti i lavori è stato di circa un milione e 300mila euro, pagati con finanziamenti regionali, europei, della cassa di risparmio di Torino e in misura inferiore direttamente dal Comune.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...