Notizia Oggi

Stampa Home

A Gattinara la Festa dell’uva ''ti fa volare''

Sono attese 80mila persone
Articolo pubblicato il 14-08-2017 alle ore 12:20:54
A Gattinara la Festa dell’uva  ''ti fa volare'' 2
Una passata edizione della festa

L’edizione 2017 della Festa dell’uva di Gattinara punta alle famiglie e “ti fa volare”. E’ questo il motto scelto dall’amministrazione comunale per contrassegnare la 35esima edizione della kermesse, seconda in provincia di Vercelli, dopo l’Alpàa, per numero di visitatori. Anche quest’anno sono attese 80mila presenze.

Il programma è pronto: da venerdì 8 settembre a domenica 10, nella città si susseguiranno eventi, musica, spettacoli, mentre come sempre protagoniste indiscusse saranno le tabine.

Quest’anno sono 28 i punti dove si potrà degustare il famoso Gattinara docg e prelibatezze culinarie locali lungo i corsi e nei cortili. Un numero quello degli stand gastronomici, che cresce di anno in anno, confermando la vocazione legata al territorio della Festa dell’uva di Gattinara. La location poi quest’anno avrà anche un tocco artistico. I quattro corsi e piazza Italia, dove si svolge la manifestazione, avranno colori diversi: bianco corso Garibaldi, rosso piazza Italia, verde corso Cavour, giallo corso Vercelli e blu corso Valsesia. Ogni taverna che si affaccia sulle strade potrà scegliere come addobbare il punto di ristoro in base al colore assegnato, con fiocchi, festoni, coccarde; oppure i volontari potranno indossare magliette di uno dei cinque colori.

«Il motto con cui abbiamo deciso di presentare la Festa dell’uva - dice il sindaco Daniele Baglione - vuole sottolineare che in un mondo sempre più complicato la nostra festa dà spensieratezza, con semplicità fa divertire grandi e piccini. E’ sempre più dedicata ai bambini, con eventi pensati per loro».

Si parte venerdì 8, dalle 18 all’una di notte. Saranno le majorette del Gruppo Twirling Gattinara accompagnate dal corpo musicale Santa Cecilia e dai bambini degli asili ad aprire la festa. Tra le novità della manifestazione l’esibizione dei vincitori del Gattinara music contest, in corso Vercelli 2017, per tutta la durata della kermesse. E poi fino alla notte di domenica 10 ci sarà solo l’imbarazzo della scelta su cosa fare o seguire. Venerdì e domenica la Festa chiuderà all’una di notte mentre sabato si potrà brindare fino alle due.
Come sempre vi saranno numerosi parcheggi gratuiti dislocati in diversi punti della città; quelli più fuori mano, con una capienza maggiore, saranno collegati al centro da una navetta, sempre gratuita.

E sulla possibilità di istituire bus di collegamento tra Gattinara e altri centri, soprattutto con la Valsesia, Baglione ci ha rinunciato: «Avevamo organizzato, tre o quattro edizioni fa, un bus navetta che faceva la spola tra Gattinara e Borgosesia, ma non era utilizzato, così non abbiamo ripetuto l’esperimento. Abbiamo notato che i visitatori, per evitare le sanzioni del codice della strada in caso di guida in stato di ebbrezza, preferiscono noleggiare mezzi con conducente, oppure fare a turno al volante. La volontà è comunque quella di prevenire. Tanto che ci sarà anche uno stand della Polizia Stradale che aiuterà, chi lo desidera, a comprendere se è in grado o meno di mettersi alla guida».


Alla Festa dell’uva arriveranno moltissime persone; pertanto un aspetto da non sottovalutare sarà quello relativo all’ordine pubblico. «Abbiamo fatto un incontro in Prefettura - conclude Baglione - ed è stato creato un Comitato per l’ordine pubblico».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...