Notizia Oggi

Stampa Home

A Grignasco un maxi-argine per proteggere le industrie dal Sesia

Sono pronte a partire le opere che fanno parte del secondo lotto
Articolo pubblicato il 27-04-2017 alle ore 10:54:52
A Grignasco un maxi-argine per proteggere le industrie dal Sesia 1
A Grignasco un maxi-argine per proteggere le industrie dal Sesia 1

Terminata la realizzazione di un muro in cemento alto otto metri per proteggere la zona industriale di Grignasco dal torrente Magiaiga. Nei giorni scorsi si sono conclusi i lavori che rientravano nel primo lotto. Sono dunque pronte a partire le opere che fanno parte del secondo lotto e che consistono nel rialzo di terre armate per sovrastare il torrente Magiaiga «e rendere così la zona completamente “ermetica” - spiega il sindaco Roberto Beatrice -. La ditta che eseguirà i lavori ha già preso contatti con le società che gestiscono le utenze e a breve i lavori potranno partire. Una volta che anche questa fase verrà ultimata, potranno iniziare i lavori che rientrano nel terzo lotto, quello cofinanziato dagli industriali».

Gli interventi hanno preso il via lo scorso mese di dicembre e una volta che l’intera opera sarà conclusa l’area sarà più grande di 30mila metri quadrati; una superficie che potrà ospitare nuovi insediamenti o consentire agli imprenditori già presenti di ampliare i propri stabilimenti. Il tutto nella massima sicurezza, non sussistendo più alcun rischio in caso di esondazione da parte del Sesia. Lo studio idraulico del fiume risale al 2008, ma il progetto di mettere in sicurezza l’area D1 è ancora più vecchio; se ne iniziò a parlare nel 1998. I lavori sono finanziati dal Cipe e arrivati a Grignasco tramite la Regione Piemonte; ad aggiudicarsi l’appalto del primo lotto è stata la ditta Sorema Srl di Biella e i lavori sono stati subappaltati alla Bertini Srl.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...