Notizia Oggi

Stampa Home
Gli alpini hanno esposto nella bacheca una particolare opera "povera"

A Maggiora il presepe fatto con i chiodi

Il capogruppo: un Bambino che appartiene a tutte le razze insieme
Articolo pubblicato il 25-12-2015 alle ore 08:09:43
A Maggiora il presepe fatto con i chiodi 3
Il presepe di chiodi

Un presepe fatto di chiodi. Lo hanno esposto quest'anno gli alpni del gruppo di Maggiora nella propria bacheca. In realtà, il manufatto era già stato trovato in precedenza, ma per questo Natale le penne nere hanno deciso di mostrarlo. «E' un Gesù bambino che non appartiene a nessuna razza e al contempo è di tutte le razze insieme», commenta il capogruppo Paolo Jean.

Si tratta di un insieme di chiodi a testa larga inseriti in una tavola di compensato in modo da formare le sagome di Giuseppe, di Maria e del bambino. «È un’opera molto semplice, ma che ci è apparsa piena di significato e ci sembra che incarni al meglio quello che dovrebbe essere il vero spirito del Natale». Mai come in questo periodo, infatti, si è accesa la polemica sui simboli del Natale. «Con certe polemiche pretestuose, i simboli di Natale vengono usati come mazze per colpire gli “avversari” – osserva Jean – magari con la forzata rappresentazione di un Gesù bambino biondo e paffuto. Questo Gesù bambino fatto di chiodi non appartiene a nessuna razza e al contempo è di tutte le razze insieme. Non condivido la posizione di chi usa strumentalmente il Natale per affermare la propria identità».

Sarebbe poi interessante scoprire chi ha realizzato l’opera, ma per ora gli alpini non sono riusciti a saperlo: «Il Comune ci ha assegnato i locali sottostanti all’asilo comunali, usati come magazzino, anni fa. Tra le varie cose, abbiamo trovato questa Natività che mi ha attirato subito per la sua essenzialità. Quasi sicuramente è opera dell’asilo».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...