Notizia Oggi

Stampa Home

A Masserano si fa turismo per famiglie nel lago della diga

Per i pescatori regolari 38 postazioni
Articolo pubblicato il 06-06-2017 alle ore 14:27:04
A Masserano si fa turismo per famiglie nel lago della diga 2
A Masserano si fa turismo per famiglie nel lago della diga 2
A Masserano ha aperto la nuova riserva della diga. Andrea Cerreia Varale è riuscito a centrare il suo obiettivo. «Ringrazio tutti coloro che ci hanno aiutato - spiega -. Non mi interessano le voci di paese, non mi interessano le illazioni dei gelosi e dei curiosi. Noi ci stiamo mettendo anima e cuore in una cosa forse molto più grande di noi. Ma nonostante tutto ci siamo e con orgoglio puntiamo all'obiettivo».
 
L’area è tornata finalmente pulita e vivibile, non ci sono più i pescatori di frodo. Ma soprattutto è stato fatto un grande lavoro di pulizia, nei mesi scorsi erano stati portati via ogni genere di rifiuto: chi veniva a pescare creava veri e propri accampamenti che riempiva di ogni cosa. Uno spettacolo indecoroso. Invece ora tutto è pulito, le piazzole libere e anche le famiglie sono tornate a divertirsi a pescare. La passione di Andrea Cerreia Varale e di altri amanti della pesca ha permesso di cambiare volto la lago artificiale.
 
Il grande attaccamento a questo bacino biellese ricco di grosse carpe , lucci italici autoctoni, voracissimi black bass e persici reali ha spinto Andrea a partecipare al bando per la gestione della pesca indetto dal Consorzio di Bonifica della baraggia Biellese e Vercellese, concessionario delle acque del bacino. I lavori di ripristino sono partiti e la squadra si sta allargando a vista d'occhio. Sono state 38 postazioni  messe a disposizione dei pescatori. Insomma dopo tanto sporco e disordine finalmente un po' di pulizie e regole. Con la nuova gestione inoltre non mancheranno neppure i controlli.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...