Notizia Oggi

Stampa Home

A Pray disegnati i nuovi parcheggi in via Sella

intanto la strada passa di competenza del Comune
Articolo pubblicato il 11-09-2016 alle ore 11:09:25
A Pray disegnati i nuovi parcheggi in via Sella 3
A Pray disegnati i nuovi parcheggi in via Sella 3

Il Comune di Pray ha sistemato viabilità e parcheggi nella centrale via Sella. Niente senso unico, nessun semaforo intelligente, niente aiuole che restringono la via, fine anche del divieto di sosta su tutto il rettilineo. La soluzione è quella più semplice: regolare i parcheggi con apposite isole di sosta. Le quali, specie quando sono occupate da auto, non permettono il passaggio di due vetture affiancate, creando un breve senso unico alternato che obbliga i conducenti a ridurre la velocità.

Questa la decisione del Comune, che ha già tracciato i nuovi spazi. Tra l’altro, da giovedì scorso via Sella non è più una strada provinciale, ma è diventata di competenza del Comune stesso. «Infatti – conferma il sindaco Gian Matteo Passuello – ora via Sella è passata sotto la nostra competenza. Abbiamo deciso di realizzare una quindicina di parcheggi, per dare la possibilità ai clienti e ai commercianti di avere un servizio in più. Li avevamo contattati e avevamo ascoltato le loro esigenze».

Le aree di sosta sono state disseminate in più punti. «Dai riscontri che abbiamo sentito – continua il primo cittadino – questo nuovo assetto piace. Le persone che vanno nei negozi lo fanno in modo veloce: panettiere o edicola. Non c'è una sosta prolungata ma una sorta di carico e scarico. Si tratta di attività “mordi e fuggi” che non richiede una sosta di ore. In più, la realizzazione dei parcheggi e del senso unico alternato laddove le auto in sosta non permettono il doppio senso, permette di ridurre notevolmente la velocità, che era uno dei problemi lungo via Bartolomeo Sella».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...