Notizia Oggi

Stampa Home

A Quarona è stato smantellato lo ''zoo di legno''

A liberare il prato è stato lo stesso ideatore e creatore degli animali
Articolo pubblicato il 29-10-2016 alle ore 09:52:17
A Quarona è stato smantellato lo ''zoo di legno''  2
La savana quaronese

Lo zoo di Quarona non c'è più. Le sagome di elefanti, giraffe e uccelli esotici che davano il benvenuto a chi arrivava in paese da Borgosesia sono spariti. Nessun furto o vandalismo: a liberare il prato di corso Rolandi è stato lo stesso ideatore e creatore degli animali in legno (una trentina). «Con l’arrivo del freddo si erano ammalati e li ho portati al caldo - scherza Cesarino Cunazza -. In realtà sono convinto che ogni cosa debba essere limitata nel tempo, altrimenti rischia di annoiare e diventare pesante. In più il terreno è vicino al cimitero e mi è sembrato un segno di rispetto toglierli in vista del Primo novembre».

Diversi cittadini si erano affezionati agli animali della savana sbarcati a Quarona: «In tanti mi hanno detto che è stato un peccato toglierli e ovviamente mi fa piacere che siano piaciuti. Si sono complimentati per l’idea e per come è stata realizzata, e li ringrazio. E sono anche contento che non ci siano stati vandalismi o ragazzate nei  confronti di queste sagome di legno, che hanno comunque richiesto tempo e denaro per essere preparate».

Per tutti questi motivi gli animali non sono destinati a rimanere in un magazzino: «Sarebbe bello se potessero portare un pizzico di gioia a qualcuno meno fortunato - conclude Cunazza -. Vorrei donarli a un ente che si occupa di bambini con problemi o a un centro per disabili. L’importante è che ci sia un parco in cui posizionarli».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...