Notizia Oggi

Stampa Home

A Quarona regolamento comunale per il benessere di cani e gatti

57 articoli votati all'unanimità in consiglio comunale
Articolo pubblicato il 02-01-2017 alle ore 09:48:10
 A Quarona regolamento comunale per il benessere di cani e gatti 2
Immagine di repertorio

Tutelare gli animali e garantire la buona convivenza con gli esseri umani. Questo l'obiettivo del regolamento approvato all’unanimità dal consiglio comunale di Quarona.

Il documento, si legge nella delibera «considera il rispetto verso gli animali un valore di civiltà, cultura e modernità. Le specie animali hanno diritto a un’esistenza compatibile con le proprie caratteristiche biologiche, fisiologiche ed etologiche e questo regolamento va incontro alla necessità di coordinare in un unico posto la tutela degli animali che si trovano temporaneamente o stabilmente nel territorio comunale, assicurando nel contempo la corretta e pacifica convivenza con la popolazione».

Cinquantasette gli articoli, suddivisi in undici capitoli: principi, definizione e ambito di applicazione, disposizioni generali, cani, gatti, volatili, animali acquatici, animali esotici, canili, gattili e randagismo, vivisezione e sperimentazione e disposizioni finali. Tra obblighi e divieti, il regolamento proibisce per esempio di utilizzare animali di qualsiasi specie e ogni età per la pratica dell’accattonaggio, così come non è possibile offrirli come premi o omaggi a qualsiasi titolo. Il Comune di Quarona rifiuta anche gli spettacoli di intrattenimento con l’utilizzo di animali, qualora questi comportino per gli stessi situazioni di stress o eccessive sollecitazioni da parte del pubblico.

Una parte del regolamento è dedicata alla pet-therapy, che l’amministrazione sostiene: «Il Comune promuove le attività didattiche-educative nelle scuole che prevedono la presenza di animali da affezione all’interno della struttura - si legge nel regolamento - purchè accompagnati da personale debitamente formato». Per quanto riguarda la sezione cani, il documento vieta di tenerli all’esterno senza che abbiano un adeguato riparo e determina le misure dei recinti e delle terrazze se gli animali vivono in questi spazi, per non incrementare le colonie feline e non introdurne di nuove vige il divieto di lasciare avanzi di cibo nelle aree pubbliche.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...