Notizia Oggi

Stampa Home

A Roasio un vigile urbano che ha fatto il concorso a Coggiola

Con un contratto a tempo indeterminato
Articolo pubblicato il 07-09-2017 alle ore 14:02:21
A Roasio un vigile urbano che ha fatto il concorso a Coggiola 2
Foto d'archivio

L’unico bando di vigile urbano indetto nella zona dal Comune di Coggiola diventa un elenco a cui diversi Comuni si stanno rivolgendo. Anche Roasio ha deciso di cercare il proprio vigile urbano nella graduatoria del concorso pubblico terminato appena qualche mese fa prima dell’estate. Grazie a un accordo tra le due amministrazioni Roasio potrà usufruire della graduatoria per assumere un agente di polizia locale categoria C come viene specificato nella delibera: «Si approva uno schema di accordo che verrà sottoscritto dai due Comuni per l'utilizzo della graduatoria per agente di polizia locale al fine di procedere all'assunzione». Come detto non è la prima volta che il concorso indetto da Coggiola viene utilizzato dai Comuni vicini, Borgosesia per esempio ha potuto prendere ben due agenti dal bando assumendo Salvatore Longobardi a giugno e successivamente Andrea Spagnolo da qualche settimana. Lo stesso esempio lo ha seguito Roasio.

Il concorso indetto da Coggiola che sulla carta assegnava un solo posto di fatto finora ha già elargito tre posti di lavoro e un quarto verrà assicurato dal Comune di Roasio, tutti come agente di polizia locale a tempo indeterminato in una pubblica amministrazione. Roasio ha dovuto cercare un nuovo elemento da inserire in organico dopo la decisione della propria vigilessa di trasferirsi avvicinandosi a casa. Natalie Dolfi, l'attuale dipendente come vigile urbano nel Comune di Roasio, ha risposto al bando di mobilità indetto dal Comune di Salussola potendo avvicinarsi a casa. In precedenza era a Sostegno dove aveva vinto il concorso. Una volta arrivata la richiesta da Salussola il Comune di Roasio ha dato il nulla osta.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...