Notizia Oggi

Stampa Home

A Romagnano la Lega chiede più controlli sulle case che diventano centri per migranti

Articolo pubblicato il 01-10-2017 alle ore 18:24:30
A Romagnano la Lega chiede più controlli sulle case che diventano centri per migranti 3
Via Pajetta

Più controllo da parte del Comune sulla gestione dei migranti: lo richiede la Lega Nord di Romagnano. In paese è atteso l’arrivo di nove richiedenti asilo, che saranno ospitati al primo piano di una palazzina in via Pajetta. Una realtà che sta facendo discutere in paese. «Chiediamo – dice il consigliere Silvio Landolfa - di predisporre una normativa comunale che vincoli i proprietari (persone fisiche o giuridiche) di beni immobili a comunicare preventivamente all'amministrazione locale la sottoscrizione di contratti di locazione o comodato con soggetti che abbiano tra le possibili finalità l'ospitalità di richiedenti asilo. Chiediamo inoltre che i proprietari di immobili comunichino preventivamente la partecipazione a bandi indetti da parte di qualsiasi organo pubblico al fine dell'ospitalità e gestione dell'emergenza migranti, nonché l'esito della stessa entro cinque giorni dall'uscita delle graduatorie».

Landolfa pensa sia importante richiedere «attraverso una relazione quindicinale da parte di chi gestisce i migranti, una dichiarazione con il numero dei soggetti che vi alloggiano, con la provenienza degli stessi nonché ogni altra informazione sulla salute dei medesimi». Importante l’obbligatorietà: «In caso di violazione degli obblighi e degli ordini previsti - si legge nella mozione - devono essere previste sanzioni amministrative che vanno da 150 a 5mila euro. In caso di violazione degli obblighi previsti si procederà alla denuncia all'autorità giudiziaria come da Codice penale».

Per ora a Romagnano tutto tace sull’arrivo dei migranti. Anche questa un’informazione che viene solitamente data ai Comuni con poche ore di preavviso.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...