Notizia Oggi

Stampa Home

A Vintebbio un ristorante dove c'è anche il menù ucraino

Il “Natalì” ha aperto a metà ottobre
Articolo pubblicato il 20-01-2017 alle ore 15:46:38
 A Vintebbio un ristorante dove c'è anche il menù ucraino 2
Inna Trytiak nel locale

La cultura ucraina e quella italiana si incontrano al “Natalì”, il nuovo bar-ristorante di Vintebbio. Due cittadini hanno infatti scommesso su loro stessi e hanno preso in gestione il locale presente nella frazione serravallese. La crisi economica ha inciso notevolmente sul commercio locale, molte sono le attività che nel corso degli anni hanno chiuso i battenti, dalla piscina al negozio di alimentari. Alcuni esercizi commerciali invece hanno cercato di resistere alla crisi cambiando spesso gestione. Recentemente Inna Trytiak e Antonio Ivardiello sono andati contro corrente e hanno deciso di far rivivere il bar ristorante presente sul rettilineo di Vintebbio. «Io abito proprio nella frazione, mentre Antonio a Serravalle - spiega Trytiak -. Questa non è la mia prima esperienza nel campo della ristorazione, prima di aprire qui ho lavorato in Ucraina».

Essendo l’unico in frazione, il locale è un luogo di incontro per tutti gli abitanti oltre che per gli automobilisti che transitano nella zona. «La nostra avventura è iniziata lo scorso 16 ottobre e fino adesso abbiamo avuto un buon riscontro da parte della cittadinanza - prosegue la ristoratrice -. In molti ci hanno espresso la loro soddisfazione per il lavoro che stiamo facendo e per il coraggio di riuscire a portare avanti un’attività in una piccola frazione. Per ora anche noi siamo soddisfatti, nelle prossime settimane cercheremo di fare sempre meglio». L’incontro tra le due culture ha portato alla creazione di menù originali. «Cerchiamo di venire incontro alle esigenze della clientela - conclude Trytiak -. Proponiamo cene e pranzi con specialità diverse, oltre a quelle piemontesi. Sabato prossimo ad esempio organizziamo una cena a base di specialità ucraine e musica dal vivo».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...