Notizia Oggi

Stampa Home

A Vintebbio il Cordar risolve il problema dell'acqua non potabile

Dagli ultimi controlli la situazione è tornata alla normalità
Articolo pubblicato il 15-07-2017 alle ore 13:31:06
foto repertorio
foto repertorio

Vintebbio torna ad usare normalmente l'acqua.  Nei giorni scorsi con una ordinanza il Comune aveva vietato ai residenti nella frazione serravallese di bere l’acqua senza averla fatta bollire almeno 20 minuti. Alcuni addetti dell’Asl di Vercelli a fine giugno avevano eseguito un prelievo dalla fontana presente nel parco giochi di Vintebbio. I risultati delle analisi avevano messo in luce valori che non corrispondevano a quanto previsto per il consumo umano. Dopo i controlli e le comunicazioni fatte in municipio era dunque scattata l’ordinanza che regolamentava il nuovo consumo dell’acqua per gli abitanti della località serravallese, mentre il Cordar provvedeva a fare gli interventi necessari. Da qualche giorno l’“allarme acqua” è rientrato. «La prassi è la seguente: dopo il prelievo da parte dell’Asl e le eventuali criticità messe in luce dai controlli, il Cordar è chiamato a risolvere le problematiche – spiega il presidente Paolo Croso -. Nel caso specfico di Vintebbio gli incaricati hanno provveduto a mettere del cloro nel sistema idrico per rendere sicuro il consumo da parte dei cittadini. L’Asl recentemente ha fatto un ulteriore prelievo constatando che i valori erano tornati a posto. Rassicuriamo quindi tutti: la situazione è tornata alla normalità da venerdì».

Ciò che aveva preoccupato gli abitanti era il tempo di ebollizione stabilito dal documento comunale. «I 20 minuti previsti e riportati nell’ordinanza sono quelli comuni – puntualizza il presidente del Cordar – . Con questa tempistica si è certi che tutti gli eventuali batteri presenti nell’acqua vengano eliminati. Vorrei precisare che a Vintebbio non si è verificato un inquinamento chimico, probabilmente, come mettono in luce i tecnici, la problematica è stata data dal punto di prelievo: si tratta di una fontanella vecchia che non viene tra l’altro particolarmente utilizzata».

Prossimamente sono in programma dei cambiamenti per quanto riguarda il punto di prelievo. «Vista la situazione – conclude Croso – probabilmente chiederemo di individuare un altro punto per i controlli da parte dell’Asl».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...