Notizia Oggi

Stampa Home

Accoglienza profughi, Varallo cerca una alternativa

Ora si guarda a Villa Eremo di Arboerio
Articolo pubblicato il 21-12-2015 alle ore 12:33:08
Accoglienza profughi, Varallo cerca una alternativa 3
Accoglienza profughi, Varallo cerca Arboerio, Villa Eremo

Varallo cerca una alternativa per alloggiare i migranti che dovrebbe giungere in città nei primi mesi dell’anno. Una soluzione potrebbe essere rappresentata da Arboerio, piccola frazione a circa 2 chilometri dal centro. Non più dunque – così come inizialmente indicato dalla Prefettura - la palazzina Asl di viale Cesare Battisti, bensì Villa Eremo, dimora fatta costruire nel 1896 da una ricca famiglia locale la cui proprietà è poi passata alla Piccola Opera della Divina Provvidenza di don Orione che negli scorsi anni ha deciso di alienarla. Rimasto finora invenduto e inutilizzato, l’edificio potrebbe diventare dimora per la dozzina di profughi che saranno assegnati a Varallo.

L’immobile, con i suoi ventun vani distribuiti su tre piani possiede, di fatto, le caratteristiche strutturali per accogliere la comunità di migranti tant’è che già in passato è stata usata dalla congregazione per ritiri ed esercizi spirituali. Spetterà comunque alla Prefettura dare il benestare e, qualora si addivenisse a un accordo con la proprietà, alla cooperativa Anteo il compito di adeguare la struttura allo scopo.

Fermi sulla loro posizione, invece, l’europarlamentare e pro sindaco di Varallo, Gianluca Buonanno, e il primo cittadino Eraldo Botta: “Siamo sempre stati contrari all’arrivo dei profughi nella palazzina dell’Asl – affermano all’unisono – per cui stiamo facendo il possibile per evitare che vengano ospitati in centro città”.

 

Leggi di più sul numero di Notizia Oggi in edicola

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...