Notizia Oggi

Stampa Home

Accusati di aver contraffatto bottiglie che valgono 10mila euro l'una

Si parla del famoso "Romanée Conti"
Articolo pubblicato il 05-11-2016 alle ore 06:40:18
Accusati di aver contraffatto bottiglie che valgono 10mila euro l'una 3
Accusati di aver contraffatto bottiglie che valgono 10mila euro l'una 3

Due commercianti di Fara sono finiti sotto processo con l'accusa di aver contraffatto bottiglie di "Romanée Conti", un pinot nero da collezionisti prodotto da Cuvalier che viene venduto sul mercato tra gli 8mila e i 10mila euro alla bottiglia. I due erano stati "beccati" all'inizio del 2013 con 62 bottiglie mentre in auto si trovavano vicino al confine di Olgiate Comasco, tra Italia e Svizzera. Le verifiche avevano permesso di stabilire che quel vino era certamente pregiato, ma non certo all'altezza del "Romanée Conti" della Borgogna.

Adesso i due sono finiti sotto processo (tra l'altro, erano già stati coinvolti in un altro caso simile), ma il loro legale nega che siano stati loro gli autori della contraffazione: secondo la difesa, essi avrebbero acquistato a loro volta le bottiglie ritenendole autentiche, e quindi sarebbero loro stessi vittima di una truffa.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...