Notizia Oggi

Stampa Home

Acquisto del Milanaccio, Borgosesia prende tempo

Varallo conferma la necessità di vendere l’impianto, ma la giunta Tiramani non vuole fare passi azzardati
Articolo pubblicato il 27-10-2017 alle ore 09:09:07
Acquisto del Milanaccio, Borgosesia prende tempo 1
Acquisto del Milanaccio, Borgosesia prende tempo 1

Il destino del Milanaccio tra Borgosesia e Varallo. Il Centro sportivo era passato di proprietà del Comune di Varallo nel 2007, pochi mesi dopo la chiusura della struttura, per consentire di riprendere le attività sportive: era entrato a far parte, attraverso una concessione a terzi, della “Centro sportivo Milanaccio srl”, società che gestisce anche la varallese Villa Becchi. Da Varallo, più volte ribadita, la volontà è quella di liberarsi del Centro sportivo. E un rientro alla base, ossia a Borgosesia, può sembrare la via d'uscita più naturale. Tuttavia l'entità dei costi rende complessa l'operazione. «Se ne parla da tempo, e ci sono stati diversi contatti - conferma il sindaco Paolo Tiramani -. D'altronde le due amministrazioni comunali viaggiano in sintonia e hanno ottimi rapporti, e l'obiettivo comune è di mantenere attivi i servizi garantiti dal Centro sportivo. Si comprende perfettamente l'intenzione di Varallo di cedere l'impianto e tutti auspichiamo l'intervento di soggetti privati».

Borgosesia resta al momento alla finestra, per capire l'evolversi della situazione: «Se dovessero esserci problemi, in extrema ratio, il Comune potrebbe intervenire perchè il Centro sportivo aggrega servizi essenziali per la comunità. Si tratta comunque di un'operazione impegnativa per quanto riguarda i costi: le perplessità non sono legate al valore dell'immobile, e un accordo si può trovare, quanto sui costi per la ristrutturazione e sui rapporti con la gestione».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...