Notizia Oggi

Stampa Home
E' accaduto a un uomo di Roasio, dipendente pubblico a Greggio

Al lavoro in bici? L'Inail nega il rimborso dopo l'incidente

Per l'Istituto la bicicletta non è un mezzo di trasporto idoneo
Articolo pubblicato il 27-12-2015 alle ore 08:51:07
Al lavoro in bici? L'Inail nega il rimborso dopo l'incidente 2
Foto d'archivio

Andare al lavoro in bicicletta? Meglio di no. Perché se poi capita un incidente, l’Inail non risarcisce. Il motivo? La bici non è considerato un mezzo idoneo. Con questa motivazione Davide Bertocco di Roasio si è infatti visto respingere la richiesta di rimborso per le spese mediche sostenute in seguito a un incidente in bicicletta avvenuto mentre tornava dal lavoro. L’uomo è dipendente pubblico in Comune di Greggio dove lavora come vigile e con la bella stagione di solito usa sempre la bicicletta. Era un sabato di metà settembre e il dipendente stava tornando da Greggio verso casa propria percorrendo la strada provinciale tra Villarboit e San Germano. Lungo il tragitto però si è trovato una borsa da donna a bordo strada e ha deciso di fermarsi e prenderla, pensando che fosse oggetto di un furto. Ma i manici della borsa sono andati a finire nella ruota e Bertocco è caduto per terra riportando anche gravi ferite. A trovarlo in stato di incoscienza sono stati due ragazzi: è stato richiesto l’intervento del 118 e il ricovero al “Maggiore” di Novara. 

Bertocco aveva riportato un trauma cranico e aveva rotto alcuni denti. La spesa sanitaria ha comportato un esborso di 250 euro e ha chiesto il rimborso all’Inail. E l'Inail ha detto di no: «Non spetta alcuna indennità - ha comunicato l'Istituto - in quanto l'infortunio si è verificato a bordo di un mezzo privato il cui uso non era necessario». Insomma Bertocco ha sbagliato ad andare a lavorare in bicicletta. «Sono rimasto allibito - spiega -. Per fortuna la spesa era comunque contenuta, ma non capisco come mai è stata presa questa decisione». In realtà, il modo normale e più sicuro per spostarsi, secondo le norme, è l’uso dei mezzi pubblici, o anche andare a piedi, ma non in bicicletta che rimane un mezzo troppo “pericoloso”.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...