Notizia Oggi

Stampa Home
In queste ore si parla dell'arrivo di decine di migranti

«Altri settanta profughi in Valsessera? Un incubo»

Per gli amministratori una maxi-comunità sarebbe l'ipotesi peggiore
Articolo pubblicato il 01-02-2016 alle ore 20:44:12
«Altri settanta profughi in Valsessera? Un incubo» 3
Una parte del complesso ex Fila

Si fanno sempre più insistenti le voci che indicano nell'ex lanificio Fila una futura grossa comunità di accoglienza per migranti. Sono voci non confermate che trapelano in seno alle organizzazioni che in questi giorni si stanno disputanto il nuovo appalto dell'accoglienza profughi. L'ex lanificio Fila è un complesso enorme, da anni all'asta senza mai trovare un compratore, tanto che il prezzo è sceso al livello di un appartamento di buon livello. Non sembra esattamente l'ideale per ospitare persone, ma intanto se ne parla. Nulla di confermato, ma nemmeno di smentito. 

D'altra parte, è anche vero che il complesso è Fila comprende anche molte strutture abitative, non solo la fabbrica.

L'altro interrogativo è questo: se arriveranno, quanti saranno? Ed è qui che si prospetta un problema di quelli grossi: c'è chi dice 50, chi 70, chi addirittura 90 persone. «Anche con "solo" cinquanta stranieri - commentano gli amministratori della zona - si creano le premesse per una situazione ingestibile». Insomma, tutti sperano che queste siano solo voci uscite (o fatte uscire) solo per creare un po' di subbuglio. Se ne dovrebbe sapere di più quando la Profettura deciderà in via definitiva come dividere, tra le coop e le associazioni he hanno risposto al bando di appalto, i 750 migranti del Biellese, tra quelli già presenti e quelli che arriveranno in primavera.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...