Notizia Oggi

Stampa Home
Su Internet tutte le informazioni delle lucciole di strada

Anche la Valsesia nella "Google Maps" del sesso

Articolo pubblicato il 23-10-2015 alle ore 08:23:58
Anche la Valsesia nella "Google Maps" del sesso 3
Anche la Valsesia nella "Google Maps" del sesso 3

C'è "Google Maps" per trovare le vie e qualcuno ha inventato anche un servizio simile per le prostitute di strada. Lungo il tratto a confine tra Valsesia e Biellese tra Brusnengo e Masserano si registra la maggior concentrazione. Da sempre la zona di San Giacomo di Masserano, sia verso Castelletto Cervo, sia verso Rovasenda ha un'alta presenza di prostitute di colore per strada. Il mestiere più vecchio del mondo e l'approccio più moderno e tecnologico hanno dato vita a un sito specializzato. Non c'è solo il passaparola che spinge migliaia di anonimi a compiere il tour sulle strade del sesso. Qualche "amante del genere" si è divertito a visionare i filmati di "Google Maps" e caricare su un apposito sito Internet le zone maggiormente frequentate dalle prostitute di strada. Per alcune c'è anche una descrizione precisa sia del posto, con tanto di coordinate Gps sia una breve descrizione. Ovviamente i volti sono oscurati. Ma sempre dal sito doxyspotting si scopre che ci sono anche le prostitute che attendono in auto sempre a Masserano in direzione Cossato. Alla fine il risultato è una sorta di guida di un vero e proprio mercato all'aperto. Qualcosa di maniacale che si abbandona alla descrizione anche dei "servizi" offerti dalle ragazze di strade, oltre a una descrizione. Se esistesse una simile guida, così attenta e puntigliosa per i servizi pubblici, il cittadino potrebbe girare per gli uffici della pubblica amministrazione senza problemi e cavarsela da solo a superare le difficoltà burocratiche.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...