Notizia Oggi

Stampa Home

Antonio e Alberto, da Gattinara alla maratona di Firenze

Nei giorni scorsi
Articolo pubblicato il 12-12-2017 alle ore 12:32:51
Antonio e Alberto, da Gattinara alla maratona di Firenze 1
Antonio e Alberto, da Gattinara alla maratona di Firenze 1

Tra i 10mila podisti alla Maratona di Firenze anche due gattinaresi.  I due corridori Antonio Indorato e Alberto Agosti hanno mantenuto la promessa e sono tornati a correre la maratona del capoluogo toscano. Nonostante il freddo e la pioggia incessante, che ha accompagnato tutta la gara, organizzata nei giorni scosi, entrambi sono riusciti a portare a termine i 42 chilometri della gara podistica per eccellenza.

 A fare il tifo lungo il percorso anche Paola Chiarello, la moglie di Antonio, che lo accompagna in tutte le gare più importanti. «Ringrazio di cuore mia moglie Paola – dice Indorato – che mi accompagna e mi sostiene lungo il percorso in tutte le maratone più significative». Mentre alla prima partecipazione una giornata di sole e tantissimo pubblico hanno incoraggiato i due podisti, quest’anno la manifestazione è stata caratterizzata dal maltempo e da rigide temperature che di certo non hanno aiutato neppure il risultato finale. I due gattinaresi hanno chiuso la gara in circa 3 ore e 25 minuti, un risultato ben lontano dalla maratona di Abbiategrasso che, nonostante fosse decisamente meno suggestiva, ha permesso a Indorato e Agosti di fare il tempo personale: Alberto Agosti ha ridotto il suo tempo personale di gara da 3 ore e 15 minuti a 3 ore e 10 minuti. Per Antonio Indorato la maratona da 3 ore e 29 minuti è stata chiusa in 3 ore e 20 minuti. «A parte il maltempo – dice Indorato – a Firenze è difficile riuscire a migliorare il proprio risultato personale: al via ci sono migliaia di persone e i primi chilometri non puoi certo fare il passo che vorresti».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...