Notizia Oggi

Stampa Home

Arrivati a Ghemme i due defibrillatori

La sicurezza prima di tutto
Articolo pubblicato il 09-09-2017 alle ore 09:10:34
Arrivati a Ghemme i due defibrillatori 2
A Ghemme

La sicurezza prima di tutto: Ghemme è ora munita di due defibrillatori semiautomatici, strumenti in grado di salvare la vita in caso di determinati tipi di arresto cardiaco. I due dispositivi sono stati inaugurati nella mattinata di sabato scorso nella sala consigliare del municipio e ora sono collocati nella sede Asl di via Castello e nelle scuole. Il loro acquisto è stato reso possibile grazie al contributo fornito da 31 aziende, grandi e piccole, del territorio e si inserisce nel progetto “Cuore in comune”. A proporlo l’azienda specializzata Italian Medical System. «La nostra comunità deve essere protetta sotto questo aspetto – ha osservato il sindaco Davide Temporelli durante la cerimonia – abbiamo scelto questi posizionamenti per potere garantire la maggiore copertura possibile del paese. Speriamo di poterne mettere anche un altro al campo sportivo. Questo progetto è stato in grado di dimostrare anche che la comunità è pronta a rispondere di fronte a un’iniziativa importante».

I rappresentanti dell’Italian Medical System hanno illustrato la natura del progetto e il suo funzionamento: l’iniziativa è già stato accolta in vari paesi vicini. «”Cuore in comune” si pone come un progetto completo: non si limita a fornire il defibrillatore, ma si occupa anche della sua corretta custodia, della manutenzione e della formazione per il suo utilizzo – hanno spiegato – perché è importantissimo soprattutto che ci siano persone in grado di usarlo». A questo scopo, saranno addestrate a breve otto persone. Questo tipo di defibrillatore può essere utilizzato anche da personale non medico, ma è necessaria un’adeguata preparazione. I defibrillatori semiautomatici di Ghemme, fra le altre cose, sono “made in Italy”: vengono infatti prodotti in Piemonte.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...