Notizia Oggi

Stampa Home

Arrivato il commissario nel nuovo Comune ''Cellio con Breia''

Elena Daghetta ha incontrato i sindaci uscenti dei due abitati
Articolo pubblicato il 07-01-2018 alle ore 17:08:55
Arrivato il commissario nel nuovo Comune ''Cellio con Breia'' 3
Uno scorcio di Cellio con Breia

L'altro giorno il vice prefetto Elena Daghetta ha incontrato i sindaci uscenti di Cellio e Breia per fissare la tabella dei lavori e indicare gli incarichi che dovranno essere mantenuti fino al giorno delle elezioni comunali. La fusione fra Cellio e Breia è ufficiale dall’inizio dell’anno, avvenuta senza creare particolari disguidi di natura amministrativa o territoriale per i circa mille cittadini. Sebbene i due Comuni siano spariti, hanno entrambi mantenuto il loro codice di avviamento postale (cap), indispensabile per poter assicurare la consegna della posta: quindi si troverà ancora il 13024 nell’indirizzo di chi vive a Cellio e si proseguirà con il 13020 per chi abita a Breia.

Una certezza è quella della sede del municipio del nuovo Comune che sarà mantenuto a Cellio: «Per il nostro paese e per i cittadini non cambierà praticamente nulla - dice Martino Valmacco, sindaco uscente di Cellio -: avranno ancora il loro municipio, penso con i medesimi orari di apertura. Per gli abitanti di Breia riteniamo opportuno soprattutto in questo primo periodo che possa essere garantita almeno un’apertura settimanale».

Una novità dovrebbe riguardare i dipendenti comunali: «Finora erano in servizio due persone, una a Cellio e una a Breia, che ovviamente non perdono il posto di lavoro - specifica Valmacco -. Ora lavoreranno entrambi in municipio a Cellio. La speranza è che, con l’aumento complessivo degli abitanti in carico al nuovo Comune, in futuro possano essere assunti un cantoniere e un agente di polizia municipale, senza dover più dipendere dal Comune di Borgosesia». 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...