Notizia Oggi

Stampa Home

Artista belga dà il via al restauro del castello di Lozzolo

Articolo pubblicato il 29-12-2017 alle ore 18:54:57
Artista belga dà il via al restauro del castello di Lozzolo 3
Artista belga dà il via al restauro del castello di Lozzolo 3

Il castello di Lozzolo “sotto i ferri”: sono partiti i lavori di restauro in una parte di Palazzo Sud, fiore all’occhiello del paese.

«Questo è il frutto della passione e dell’amore che l’artista belga Jean Marie Pierret sta dimostrando verso questo storico edificio, fin da quando nel 2014 entrò in possesso della sua porzione - spiega il presidente dell’associazione Loxolensis Massimo Sella -. L’artista e docente universitario ha deciso persino di stabilire la sua residenza e di viverci». In questo modo sta contribuendo alla manutenzione del castello.

La costruzione di Palazzo Sud del Castello di Lozzolo risale tra la fine del 1400 e l’inizio del 1500 ad opera dei Conti Avogadro di Lozzolo al fine di ospitare la famiglia in un edificio più confortevole rispetto a Palazzo Nord. Rimase proprietà della famiglia Avogadro fino alla fine del XVIII secolo. Nel 1798 fu acquistato dal Canonico Carlo Amedeo Tornielli Rho ed intorno al 1875 passò ai fratelli Patriarca al fine di proseguire la loro attività di agricoltori e viticoltori. Nel tempo la proprietà, di questa porzione, fu suddivisa in tre parti uguali ed oggi risulta patrimonio di alcuni discendenti.

La speranza è che di fronte a questi primi interventi ne seguano anche altri. «Oggi, molte parti del Castello sono in forte degrado e questi primi lavori accendono la speranza che possa tornare agli antichi splendori e che stimoli la sensibilità degli altri proprietari per salvaguardare il prezioso bene, dimostrandone così il giusto attaccamento», sottolinea Sella.

Che conclude: «Il comitato, applaudendo questi sforzi, è sempre a disposizione per quanto possibile, ad aiutare valorizzando al meglio i gioielli lozzolesi».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...