Notizia Oggi

Stampa Home

Auser di Pray ha percorso una volta e mezza il giro del mondo

Grande impegno anche per raccogliere fondi per i terremotati di Pieve Torina
Articolo pubblicato il 29-12-2017 alle ore 12:52:13
Auser di Pray ha percorso una volta a mezza il giro del mondo  1
Auser di Pray ha percorso una volta a mezza il giro del mondo 1
Oltre 58mila chilometri percorsi dall'Auser Valsessera, una volta e mezza il giro del mondo, circa 160 in media ogni giorno per trasportare anziani, disabili e minori che necessitano di cure mediche. Numeri significativi per un servizio utile: numeri che evidenziano l'impegno e l'importanza che questa associazione riveste per il territorio.
 
Nel 2017 sono stati effettuati 897 servizi di trasporto verso ospedali, per visite mediche o con altra destinazione. Sino ad ora quest'anno il monte di ore effettuate dai 26 volontari è a quota 2235.
 
«Sono numeri che fanno riflettere – sottolinea il presidente Paolo Chioso – e fanno capire quanto bisogno di volontariato ci sia in questa valle. Il 2017 è stato un anno tosto per noi, siamo stati i capofila nel progetto terremoto che ci ha dato tantissime soddisfazioni a livello personale. Abbiamo portato a Pieve Torina, il paese delle Marche che abbiamo “adottato” cinque moduli abitativi con cui è ripartita almeno un po' l'economia e abbiamo partecipato con l'Auser nazionale alla costruzione delle scuole. E' stata una soddisfazione grande partecipare tutti insieme, con le associazioni valsesserine, a questo importante progetto».
 
L'Auser sta inoltre seguendo il progetto compiti nelle scuole di Pray e di Crevacuore, dove sono coinvolti una cinquantina di bambini che sono seguiti dai volontari e da alcuni ragazzi delle superiori che dedicano delle ore ai bambini in difficoltà.
 
«Operiamo – continua Chioso – anche il giovedì con il pulmino che effettua il giro delle frazioni portando al mercato di Pray gli anziani che non dispongono di un mezzo proprio. E' inoltre ripartito in frazione Granero, nell'ex cinema Radar, il laboratorio di scultura del legno e della lavorazione dell'argilla. Se qualcuno fosse interessato a partecipare può iscriversi e chiedere spiegazioni su questi laboratori».
 
Ma Chioso lancia anche un appello alle persone che vogliono dedicare qualche ora al servizio del prossimo e a favore del territorio: «Se qualche persona fosse interessata a far parte della nostra associazione saremmo ben contenti di averla con noi. Fare del volontariato è importante e dà anche tante soddisfazioni. Invitiamo chi ha del tempo libero da donare a chi ne ha bisogno a farsi avanti. Le necessità ci sono e lo dimostrano le persone che chiedono il nostro aiuto. La nostra è una valle con prevalenza di persone anziane e scarse possibilità di accesso ai servizi, per questo il nostro ruolo è divenuto negli anni sempre più importante ma spesso non riusciamo a far fronte a tutte le richieste che riceviamo».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...