Notizia Oggi

Stampa Home
Cronaca

Banda di spacciatori in cella grazie a una madre

Determinante la segnalazione di una donna, madre di un cliente
Articolo pubblicato il 18-03-2017 alle ore 07:13:34
Foto di repertorio
Foto di repertorio

E' stata una madre a far finire in cella quattro spacciatori clandestini. Disperata dalle condizioni del figlio che continuava ad assumere stupefacenti, era riuscita a intercettare un messaggio di uno dei spacciatori. Aveva quindi appuntato il numero e raccontato tutto ai carabinieri. I militari della compagnia di Novara hanno scoperto un vero e proprio traffico grazie alla segnalazione del genitore. Lunedì mattina hanno attuato un blitz mettendo  fine alle illecite attività di un gruppo di marocchini protagonista di un “fiorente” traffico di stupefacenti nella zona boschiva/campestre del Comune di Galliate, nel parco del Ticino, muovendosi anche nei comuni di Cerano e di Bellinzago.
I militari hanno fatto anche irruzione nell'appartamento ritenuto il covo della banda sequestrando numerosi telefoniti cellulari.  I quattro, tutti marocchini, uno dei quali con precedente condanna per stupefacenti (ritenuto il capo del “gruppo”), sono stati sottoposti a fermo e poi portati in carcere.
L’attività dei carabinieri ha consentito di ricostruire i movimenti e le responsabilità accertando svariate centinaia di episodi di spaccio di stupefacenti del tipo eroina (venduta a 30 euro al grammo), cocaina (venduta a 70 euro al grammo) ed hashish (venduto a 10 euro al grammo). Il giro d’affari stimato è stato pari a svariate migliaia di euro. La clientela, italiana, era variegata, persone di diversa estrazione sociale.
Gli arrestati sono Samir Choumi del 1992, Soufiane Khdach del 1993, Outmane Noujchi del 1996 e Nabil Sanhaji del 1994.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...