Notizia Oggi

Stampa Home
Cronaca

«Basta colpevolizzare persone solo perchè si chiamano Di Giovanni»

Il sequestro ha interessato beni anche a Prato Sesia e Romagnano
Articolo pubblicato il 04-02-2018 alle ore 07:29:46
Inchiesta della procura
Inchiesta della procura

Nuova tappa dell'inchiesta che riguarda la famiglia Di Giovanni. L'altro giorno in tribunale la pubblica accusa ha chiesto di confermare la confisca  del patrimonio della famiglia, un provvedimento eseguito nel 2015 dalla questura di Novara. Stiamo parlando di un patrimonio di sette milioni di euro con attività imprenditoriali anche a Romagnano e Prato Sesia. La Procura ha chiesto il sequestro in quanto si tratterebbe di beni provenienti da una attività illecita, ma in aula i legali della famiglia si sono opposti: "Basta  colpevolizzare persone solo perchè hanno un certo cognome".  Per i legali i beni intestati anche ad alcuni famigliari delle persone coinvolte nell'inchiesta "Blood sucker" non si possono sequestrare.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...