Notizia Oggi

Stampa Home

Biella, alla Fondazione Angelino uno dei migliori cervelli internazionali

L'ematologo Boccadoro è membro del Comitato scientifico della onlus biellese
Articolo pubblicato il 10-02-2016 alle ore 18:55:50
Biella, alla Fondazione Angelino uno dei migliori cervelli internazionali 3
L'ematologo Mario Boccadoro

Mario Boccadoro, direttore della Struttura complessa di Ematologia dell'Azienda ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino e membro del Comitato scientifico della Fondazione Clelio Angelino – organizzazione non lucrativa di utilità sociale che opera nel settore sanitario a favore dei malati emato-oncologici biellesi – è tra le menti scientifiche più influenti nella classifica stilata da Thomson Reuters, agenzia di rating della ricerca globale.

La classifica mondiale della ricerca vede in prima fila gli Usa, con centri superquotati quali il Massachusetts Institute of Technology e la Stanford University, sfidati dai centri di ricerca cinesi e australiani. Cinque gli Stati europei nella lista dei primi 12 più prolifici: Gran Bretagna (seconda), Germania (terza), Francia (nona), Svizzera (10ma) e Spagna (12ma). Più defilata l’Italia, in grado però di distinguersi per i 44 scienziati inseriti nella lista dei migliori 3100 cervelli internazionali, sui nove milioni di ricercatori attivi. 

A guidare il plotone delle grandi menti del bel Paese cinque scienziati nell’ambito della nutrizione: Maurizio Battino (Università Politecnica delle Marche), Daniele Del Rio e Nicoletta Pellegrini (ateneo di Parma), Mauro Serafini (Cra-Nut) e Paolo Nannipieri (Università di Firenze). Ci sono poi gli ematologi Michele Baccarani (Università di Bologna) e il già citato Mario Boccadoro (Molinette di Torino), i cardiologi Antonio Colombo (Università Vita-Salute San Raffaele di Milano) e Aldo Pietro Maggioni (direttore del centro di ricerca dell’Associazione Medici Cardiologi Ospedalieri), oltre all’oncologo Aron Goldhirsh (Istituto europeo di oncologia), al nefrologo Giuseppe Remuzzi (Istituto Mario Negri) e all’immunologo Alberto Mantovani (direttore Humanitas). Tra gli esponenti delle scienze «dure», Erasmo Carrera (Politecnico di Torino) e Daniele Ielmini (Politecnico di Milano) per l’ingegneria, Andrea Cimatti per le scienze spaziali (Università di Bologna), Bruno Scrosati per la scienza dei materiali (Istituto Italiano di Tecnologia) e Giuseppe Mingione per la matematica (Università di Parma).  

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...