Notizia Oggi

Stampa Home

Biella, botte e minacce per insegnargli la vita del carcere

L'uomo veniva anche usato come "domestico"
Articolo pubblicato il 22-06-2016 alle ore 15:31:19
Biella, botte e minacce per insegnargli la vita del carcere 2
Foto d'archivio

Volevano insegnargli la dura vita del carcere, per questo lo picchiavano, lo seviziavano e lo usavano come "domestico". A due detenuti della casa circondariale di Biella sono state notificate due ordinanze di custodia cautelare in carcere, per aver ripetutamente maltrattato un terzo compagno di cella, palesemente vulnerabile.  

Tante, e di vario genere, le violenze: minacce di morte, sputi, calci, pugni e bruciature. E ancora l'uomo veniva di fatto sequestrato dentro la cella 24 ore al giorno, obbligato a pulirla, a lavare gli indumenti dei compagni e loro stessi e a consegnargli i propri soldi. L'uomo è stato rasato a zero dai suoi compagni di cella e ha riportato ferite e lesioni curabili in 30 giorni. Inoltre gli sequestravano la posta che gli arrivava dai parenti. 

Approfittando di una pausa dei due, l'uomo è riuscito a riferire minacce e angherie al personale del carcere. 

 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...