Notizia Oggi

Stampa Home
Imprenditoria

Bi-Fuel, i quattro prototipi nati da scuola e impresa pronti alla produzione

Progetto di alternanza scuola-lavoro ideato dal gruppo giovani imprenditori dell'Uib
Articolo pubblicato il 06-07-2016 alle ore 15:19:09
Il gruppo lavoro Ican
Il gruppo lavoro Ican

Sono stati presentati nei giorni scorsi i quattro prototipi frutto di Bi Fuel il progetto di alternanza scuola-lavoro ideato dal gruppo giovani imprenditori dell'Uib e abbracciato dai due istituti tecnici biellesi Istituto Sella e Istituto Bona, che ha coinvolto 45 studenti e creato 4 gruppi di lavoro formati da ragazzi e imprenditori, finalizzati alla realizzazione di un nuovo prodotto. Diamando è una fascia porta bebè realizzata interamente in cashmere; Bi-Jersey è unat-shirt con risvolto, taschino e logo coordinato, con cartellino/braccialetto; iCan è un cappottino per cagnolini reversibile e abbinabile ad un imbottitura coordinata; Wooltech è uno sgabello sfoderabile con postazione luminosa pensato per chi ama il design e la comodità. «Siamo particolarmente orgogliosi e soddisfatti di questo risultato – commenta Riccardo Stefani, presidente del Gruppo Giovani Imprenditori dell'Uib - perché i ragazzi hanno dimostrato grande interesse e impegno nel progetto, accettando la sfida di realizzare davvero qualcosa di nuovo e affrontando la realtà industriale con attenzione e serietà. I prodotti che hanno ideato e realizzato insieme ai tutor imprenditori sono interessanti e nei prossimi mesi saranno davvero messi sul mercato, indice della concretezza che fin dall'inizio ha distinto BI FUEL. Questa esperienza è stata un grande arricchimento anche per le aziende che si sono confrontate con giovani motivati e entusiasti, instaurando un dialogo che certo non si esaurirà con il progetto».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...