Notizia Oggi

Stampa Home

Boca, giro di vite sul progetto di trattamento fanghi

Il titolare di ItalHousing: ««Abbiamo accolto tutte le garanzie richieste dal Comune»
Articolo pubblicato il 27-06-2017 alle ore 11:39:32
Boca, giro di vite sul progetto di trattamento fanghi 3
Il terreno dove dovrebbe sorgere l’impianto di trasformazione

Non c'è ancora una risposta definitiva, da parte della Provincia di Novara, in merito all'autorizzazione per la realizzazione di un impianto di recupero argille, terre e fanghi non pericolosi, che dovrebbe sorgere a Boca. L'altro lunedì si è tenuta la seconda conferenza dei servizi sul tema, a cui, in rappresentanza del Comune, hanno preso parte il commissario e il responsabile dell’ufficio tecnico. Gli enti preposti hanno richiesto all'azienda proponente, ItalHousing, ulteriori chiarimenti di natura tecnica e la ditta si è proposta di integrare il necessario.

Una scelta che non incontra l'approvazione del Comitato Tutela Ambiente di Boca: «Il Comitato ha chiesto di poter partecipare alla conferenza, anche per una questione di trasparenza amministrativa, ma per due volte la nostra richiesta è stata rigettata» fa sapere. Sulla base del verbale, il Comitato ha espresso la sua posizione: «Veniamo a conoscenza del fatto che sono state chieste ulteriori integrazioni e che sono stati concessi altri 45 giorni per presentarle. Si tratta della seconda possibilità di integrare un progetto che per ben due volte ha destato perplessità agli organi giudicanti». Il Comitato ritiene che il progetto non sia quindi sufficientemente completo: «Ci chiediamo quanto sia opportuno, per la tutela del nostro territorio e della salute pubblica dei cittadini, continuare a richiedere integrazioni».

Per il titolare di ItalHousing, Lanfranco Vicario, le richieste di integrazioni sono invece una normale parte della fase progettuale: «È normale che in conferenza dei servizi si sviscerino tutti i dettagli tecnici – osserva – si analizza tutto a 360 gradi, perché gli enti giustamente non possono dare pareri preliminari e non c’è la possibilità di incontrarsi in altra sede. Per questo la conferenza è anche molto utile per noi, perché i progettisti possono capire di più». L’azienda ha già modificato il progetto iniziale: «Abbiamo accolto tutte le richieste di integrazioni e le garanzie richieste dal Comune. Altri aspetti erano già compresi nel progetto e sono stati chiariti – osserva il titolare – il nostro intervento vuole essere il meno invasivo possibile: vogliamo mostrare che il nostro progetto può funzionare senza creare problemi». Fra le precauzioni adottate, l’autolimitazione applicando soglie limiti più stringenti rispetto a quanto stabilito dalla legge per decretare la non pericolosità dei materiali e dei sistemi di controllo.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...