Notizia Oggi

Stampa Home
Prostituzione dilagante

Bordello a cielo aperto lungo la strada tra Biellese e Vercellese

Le lucciole stazionano in ogni angolo, ora arrivano le multe per i clienti
Articolo pubblicato il 04-12-2015 alle ore 08:30:00
Foto di repertorio
Foto di repertorio

La strada di confine tra Vercellese e Biellese sta diventando ormai un bordello a cielo aperto. E adesso arrivano anche le multe ai clienti per cercare di porre fine al fenomeno visto che le forze dell'ordine non hanno abbastanza strumenti per contrastare questo fenomeno. Alla fine della superstrada che porta a Biella lungo il tratto che da Masserano porta a Castelletto Cervo e Buronzo ormai ogni giorno almeno tre "lucciole" stazionano ai lati della strada e nel fine settimana il numero aumenta in modo esponenziale, segno che i clienti non mancano. Una situazione indecorosa: giovani ragazze per lo più nigeriane che stazionano quasi svestite attirando i papabili clienti e rischiando anche di provocare incidenti visto che si tratta di un tratto a due corsi tra le risaie e il bosco con pochi spiazzi.
Ora qualcuno si è deciso a fare qualcosa. A Castelletto Cervo è pronta una ordinanza che punta a multare i clienti, non certo perchè vanno a prostitute (visto che la legge italiana in materia non dice nulla), ma in quanto intralciano il traffico.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...