Notizia Oggi

Stampa Home

Borgosesia ha dato la cittadinanza onoraria all'ex primario

Articolo pubblicato il 07-11-2017 alle ore 16:35:41
Borgosesia ha dato la cittadinanza onoraria all'ex primario  3
Borgosesia ha dato la cittadinanza onoraria all'ex primario 3

Cittadino onorario di Borgosesia: il riconoscimento al medico anestesista neopensionato Roberto Viazzo. Il professionista, di origine vercellese, è stato ringraziato così dal Comune per i vent'anni di lavoro trascorsi negli ospedali di Borgosesia e Gattinara. Vent'anni conclusi da pochi giorni: il medico è in pensione da inizio mese.

La cerimonia è stata sabato nell'aula consiliare del municipio, alla presenza degli amministratori comunali. Nel consegnare la cittadinanza onoraria, il sindaco Paolo Tiramani ha rimarcato le motivazioni che stanno alla base della decisione: «Per oltre vent'anni ha operato con dedizione per Borgosesia e la Valsesia. Per restare nel nostro territorio, nel corso della sua carriera ha rinunciato a offerte professionali importanti. Con amore e umanità ha curato migliaia di persone, gestendo in prima persona l'ambulatorio di terapia del dolore. Da lui ho ricevuto poche telefonate, e le sue richieste hanno sempre avuto al centro i pazienti e come poterli aiutare nel modo migliore».

La professione medica di Viazzo è stata preceduta dall'esperienza come pioniere in Croce rossa. Dopo aver lavorato per un breve periodo a Torino e poi a Gattinara, Viazzo è giunto in servizio all'ospedale di Borgosesia nel dicembre 1999: «Questo riconoscimento mi rende orgoglioso - ha detto il medico - ma non ho fatto nulla per meritarlo, ho semplicemente fatto il mio dovere e quello che tutti i medici fanno. Nel mio percorso ho sempre cercato di aiutare chi soffriva, di offrire ai pazienti anche un supporto psicologico».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...