Notizia Oggi

Stampa Home

Borgosesia, le escursioni in montagna ''medicina'' per la salute mentale

Creato dal servizio di Salute mentale dell’Asl e dal Cai
Articolo pubblicato il 25-11-2017 alle ore 16:13:53
Borgosesia, le escursioni in montagna ''medicina'' per la salute mentale 1
Borgosesia, le escursioni in montagna ''medicina'' per la salute mentale 1

Uscite in montagna per far crescere autostima e capacità relazionali: si basa su questo l’attività del gruppo di “montagnaterapia” creato dal Servizio di salute mentale dell’Asl di Vercelli. Da circa otto anni collabora con i soci della sezione varallese del Cai nell’organizzare uscite sui monti con lo scopo della socializzazione e del mantenimento delle capacità funzionali, fisiche e mentali. «Le escursioni con il Cai hanno anche una finalità didattica - spiega Gabriele Morgoni, socio del club alpino e consigliere della sottosezione di Borgosesia -. Vengono solitamente organizzate con una scansione stagionale, per fare in modo che i ragazzi del centro entrino a contatto con la natura e scoprano gli animali, i frutti e i colori tipici di ogni periodo dell’anno».

Lo scopo educativo non finisce qui: «Cerchiamo di insegnare loro anche come comportarsi sui sentieri e come usare le varie attrezzature da montagna - continua Morgoni -. Non a caso la prima uscita dell’anno è sempre quella sulla neve, con le ciaspole».

Nella stagione autunnale vengono privilegiate mete in zona: l’ultima “sessione” di “montagnaterapia” si è svolta sui sentieri del monte Tovo per concludersi con una castagnata al rifugio “Gilodi - Ca’ mea”. Durante la gita estiva il gruppo di “montagnaterapia” trascorre insieme ogni momento, per due o tre giorni, facendo sì che tra i membri si instauri un rapporto ancora più stretto e di fiducia. A questo proposito si deve anche il fatto che i partecipanti a ogni escursione non siano mai troppo numerosi: si va dai tre ai sette, accompagnati dagli operatori del servizio e dai soci che il Club alpino mette di volta in volta a disposizione. «Organizziamo tra le quattro e le sei uscite all’anno - specifica il consigliere di Borgosesia -. Azienda sanitaria e Cai ne hanno concordato le modalità di svolgimento e quella tra i due enti è una convenzione che si rinnova annualmente».

Dagli inizi a oggi il bilancio delle attività risulta positivo: «I ragazzi aspettano e accolgono sempre con interesse le escursioni - commenta Morgoni -. Alcuni di loro partecipano con continuità da otto anni e, stando a quanto riferiscono gli operatori dell’Asl, gli effetti benefici sul piano terapeutico si vedono: i rapporti con persone esterne alla struttura di salute mentale aiutano il miglioramento dello stato psichico degli ospiti».

 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...