Notizia Oggi

Stampa Home

Borgosesia ricorda Gianpaolo Mazzia, musicista ed ex partigiano

L'uomo avrebbe compiuto 92 anni giovedì scorso
Articolo pubblicato il 10-10-2016 alle ore 09:33:35
Borgosesia ricorda Gianpaolo Mazzia, musicista ed ex partigiano 2
Gianpaolo Mazzia era stato musicista nelle bande di Borgosesia, Varallo e Alagna

Cordoglio a Borgosesia per la scomparsa di Gianpaolo Mazzia, partigiano e musicista, morto a tre giorni dal suo novantaduesimo compleanno.

Mazzia, nato il 6 ottobre 1924 a Borgosesia, dalla sua città non si era mai allontanato: con la moglie Nella aveva abitato dapprima ad Aranco e poi in regione Giovannetta e lavorato alla Manifattura lane. Al tempo di guerra, nemmeno ventenne era entrato nelle file partigiane, operando in Valsesia e nell'Ossola. Il suo coinvolgimento nella Resistenza fu riconosciuto con il “diploma di medaglia garibaldina” assegnatogli alla fine del conflitto per il «valore militare dimostrato come combattente delle brigate Garibaldi». Rimase poi legato all'Anpi, iscritto alla sezione di Biella.

Grande passione di Mazzia era la musica, passione che aveva esercitato seguendo i corsi della banda musicale sotto la guida del maestro Enrico Sabatini. Aveva iniziato suonando il sax, specializzandosi poi nella grancassa. Dopo i primi anni trascorsi nel Corpo musicale di Borgosesia, era entrato nelle bande di Alagna e Varallo, e in quest’ultima ha militato a lungo. Il legame con la banda varallese è proseguito anche negli anni successivi, tanto che i musici facevano visita a Mazzia in occasione del compleanno e delle festività natalizie. Una passione quella per la musica che Mazzia ha trasferito al figlio Mauro, batterista conosciuto per la sua esperienza nelle Ombre Fredde, band borgosesiana nata alla fine degli anni Sessanta.

Gianpaolo Mazzia ha cessato di vivere all'hospice di Gattinara dove era stato ricoverato per l'aggravarsi delle condizioni. Ieri il funerale, poi la salma è proseguita per Verbania per la cremazione. Oltre alla moglie Nella e al figlio Mauro, l'uomo ha lasciato i fratelli Franco e Albino e i nipoti Marta, assessore comunale, e Matteo.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...