Notizia Oggi

Stampa Home

Borgosesia, il primario di anestesia resta a mezzo servizio

Altro problema per l'ospedae
Articolo pubblicato il 30-11-2016 alle ore 06:28:15
Borgosesia, il primario di anestesia resta a mezzo servizio 3
Il dottor Roberto Viazzo

All'ospedale di Borgosesia il primario di anestesia resta a mezza servizio. Da qualche giorno infatti il dottor Roberto Viazzo deve dividere il suo tempo con Vercelli (anzi, più a Vercelli che in valle) perché il collega primario del Sant'Andrea, Paolo Navalesi, ha vinto un concorso per diventare professore universitario a Catanzaro. E così di due primari ne resta uno, appunto quello di Borgosesia. E’ facile pensare che, visto che il Sant’Andrea è più “importante” della struttura di Cascine Agnona,  il medico finirà per trascorrere più tempo nella città bicciolana che non nella “sua” Borgosesia.

E i valsesiani non nascondono la propria preoccupazione: «Il reparto di anestesia ha un’importanza fondamentale per un ospedale - spiega l’assessore del Comune di Borgosesia Paolo Tiramani -, perchè complementare alla sala operatoria. Naturalmente auspichiamo che l’Asl provveda al più presto a questa mancanza, nominando un nuovo primario a Vercelli e lasciando che Viazzo continui a occuparsi solo del nostro ospedale. Ma nell’immediato il disagio è certo e tangibile, perchè questa nomina a scavalco può causare scompensi per le sale operatorie».

E dire che solopoche settimane fa i riflettori erano puntati su oncologia: il primario del reparto di oncoematologia di Vercelli, Alberto Santagostino, era infatti partito alla volta della Francia per lavorare alcuni mesi in un ospedale d’oltralpe. Le visite settimanali dei suoi colleghi a Borgosesia non venivano di conseguenza più garantite, perchè era aumentata la mole di lavoro al Sant’Andrea, e le liste d’attesa degli utenti hanno iniziato ad allungarsi.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...