Notizia Oggi

Stampa Home
Promossa raccolta firme per dire "no" all'accoglienza

Borgosesia, la questione migranti tiene banco anche a Natale

Saranno ospitati al piano superiore del circolo Acli di Aranco
Articolo pubblicato il 24-12-2015 alle ore 13:22:40
Borgosesia, la questione migranti tiene banco anche a Natale 3
Borgosesia

Dodici, o forse quindici. È questo il numero di profughi che, a breve, dovrebbe raggiungere Borgosesia. Come è noto, la comunità sarà ospitata nei locali del circolo Acli di Aranco. La destinazione borgosesiana, così come per Varallo e Quarona, è stata stabilita dalla prefettura di Vercelli che provvederà anche a individuare due sedi in alta valle.

I migranti saranno ospitati al piano superiore del circolo aranchese, e il coordinamento sarà affidato alla cooperativa biellese Anteo. In corso d'opera i lavori di adeguamento dei locali: nei giorni scorsi esponenti della parrocchia, proprietaria dell’immobile, delegati della prefettura e della cooperativa si sono incontrati per valutare lo stato di avanzamento degli interventi. Nel rione è stata intanto promossa una raccolta firme, attraverso cui alcuni residenti hanno espresso un categorico “no” all’accoglienza. Il documento è stato indirizzato al parroco don Ezio Caretti: i 65 firmatari rimarcano di aver appreso la notizia della possibile collocazione dei profughi nella struttura Acli di Aranco a fatti avvenuti e di non essere stati preventivamente informati e coinvolti.

Sulla questione resta interessato il Comune di Borgosesia, che una ventina di giorni fa aveva effettuato un sopralluogo all'interno della struttura.

 

Leggi di più sul numero di Notizia Oggi in edicola

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...