Notizia Oggi

Stampa Home

Botte e insulti alla moglie quando non puliva

La donna è finita due volte al pronto soccorso
Articolo pubblicato il 16-04-2016 alle ore 19:48:52
Botte e insulti alla moglie quando non puliva 2
Foto d'archivio

Per "educarla" le sbatteva la testa contro il muro. E' un'assurda storia di violenza familiare quella raccontata alle forze dell'ordine da una donna stanca di subire botte e insulti dal marito. Lui, un 41enne della provincia di Vercelli, faceva così per farle entrare in testa le cose. E lo faceva ogni volta che lei non rimetteva a posto le cose o quando lasciava delle briciole a terra.

Le violenze non erano solo fisiche, ma anche verbali: «Puoi andartene quando vuoi, tu e i tuoi quattro stracci» le diceva l'uomo per umiliarla. La donna ha raccontato alle forze dell'ordine che il marito è diventato così dopo la nascita del primo figlio: prima c'era solo qualche normale litigio, poi si è arrivati alle botte. E' poi nato un secondo figlio, ma le cose non sono cambiate. Tanto che dopo sei anni di matrimonio lei ha deciso di chiedere la separazione e di denunciarlo. Ha denunciato i pugni, i calci, le tirate di capelli e quei pizzicotti così forti da lasciare il segno. Non risparmiava le botte nemmeno quando era incinta. La donna si è recata anche due volte al pronto soccorso, per un dito stortato e un pugno su un orecchio. Ai medici però aveva mentito sul come si fosse fatta male, così come alla famiglia e agli amici. Poi però ha deciso di dire basta.

Il processo sarà a ottobre, ma nel frattempo sono stati ascoltati alcuni testimoni, che hanno parlato di una coppia "normale".  

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...