Notizia Oggi

Stampa Home

Brusnengo con ''La voce'' ricorda l'epoca delle emigrazioni

Uscì dal 1952 al 1995
Articolo pubblicato il 02-08-2017 alle ore 14:50:21
Brusnengo con ''La voce'' ricorda l'epoca delle emigrazioni 3
Tanta curiosi a sfogliare i vecchi numeri de “La voce” al museo dell'Emigrante di Roasio

Tanta curiosità per la mostra su “La voce di Brusnengo”, il periodico che fino al 1995 ha permesso ai tanti emigranti in giro per il mondo di conoscere le notizie del proprio paese. Una ricca e curiosa rassegna è stata raccolta nei locali del museo dell’Emigrante di Roasio. «E' stato un mensile caro a tutti gli emigranti che lo attendevano con ansia per sentirsi più vicini a casa», ricorda Piero Poverello, membro della redazione. L’emigrazione ebbe un’incidenza molto importante sulla popolazione di Brusnengo e dei paesi vicini. Vi furono periodi in cui tutte le famiglie del paese avevano figli, parenti, fratelli residenti in stati esteri molto lontani, spesso anche in Africa. E così era consuetudine pensare alla famiglia allargata nel senso che i figli vivevano lontani prima per questioni di studio e poi per questioni di lavoro.

«I tempi sono cambiati - ricorda Poverello -, ma l’emigrazione ha influito a tal punto sulla comunità brusnenghese da essere ancora oggi nella cultura di tutti i suoi abitanti. Molti partirono in cerca di fortuna, persone sparpagliate un po' in tutto il mondo. Ma il legame con le proprie origine e il paese è sempre rimasto solido». Intorno alla metà del 1900, precisamente nel 1952, è stato ideato un modo per mantenere i contatti con tutti i cittadini desiderosi di restare aggiornati su Brusnengo. Nacque così "La voce di Brusnengo", un periodico mensile su carta stampata che riportava tutti gli eventi del paese, nuove nascite, morti, ma anche eventi quali la nomina del nuovo vigile, o la sostituzione del postino. Insomma "La voce" di Brusnengo divenne ben presto un caro legame con la terra d’origine, un mezzo per sentirsi sempre parte della comunità pur vivendo a migliaia di chilometri di distanza.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...