Notizia Oggi

Stampa Home

Campertogno: 260 residenti e 100 tesserati alla biblioteca

Al prestito libri si aggiungono altre attività
Articolo pubblicato il 21-09-2016 alle ore 09:55:57
Campertogno: 260 residenti e 100 tesserati alla biblioteca 3
Campertogno: 260 residenti e 100 tesserati alla biblioteca 3

Quasi cento tesserati su circa 260 residenti: Campertogno ha vinto la sua sfida culturale.  Qualche settimana fa la biblioteca “Don Piercesare De Vecchi” di Campertogno ha festeggiato il suo primo anno di attività, nel giorno del decimo anniversario della morte del compianto arciprete cui è stata dedicata. Per l'occasione vari amici dei libri hanno organizzato un momento conviviale nel giardino di Santa Marta, davanti alla biblioteca, con tanto di torta, candelina e abbondante Spritz. 

Spiega la responsabile Dina Traversaro: «Ad oggi, grazie ai contributi volontari dei sostenitori e alle offerte dell'associazione “Campertogno Arte&Cultura Onlus”, è stato possibile ordinare nuovi scaffali e provvedere alle necessità più materiali della struttura, per rendere i locali sempre più funzionali ed accoglienti». Circa 1500 titoli sono già stati catalogati col metodo decimale Deewey: si è circa a metà lavoro, perché si tratta di una procedura lenta che prevede anche la pulizia, la valutazione, l'etichettatura, la timbratura e il controllo dei testi presi in esame, ma siamo fiduciosi che presto sarà disponibile l'elenco completo on-line. Nel frattempo sono stati effettuati 225 prestiti  e varie consultazioni, mentre il numero dei tesserati (l'iscrizione è gratuita) si sta avvicinando a cento.

E aggiunge: «Non si tratta certo di numeri da capogiro ma rappresentano un traguardo soddisfacente se visto in relazione al numero di residenti e alle consuete difficoltà con la lettura lamentate anche a livello nazionale».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...