Notizia Oggi

Stampa Home
Evento

Campertogno: il carnevale è per il paese

Il ricavato sarà utilizzato a favore del centro montano
Articolo pubblicato il 05-03-2017 alle ore 15:52:13
Il comitato di Campertogno
Il comitato di Campertogno

Un carnevale con un fine benefico quello di Campertogno. Anche quest'anno il paese ha festeggiato l’appuntamento con il ricco programma.  «Ormai da anni il comitato utilizza i propri incassi per opere benefiche a favore del paese e della comunità campertognese», ricorda Dina Traversaro.
Evento partecipato
Si è iniziato giovedì 23 febbraio con  il tradizionale “Giro della Giubiaccia”: mentre gli adulti consegnavano i buoni pasto gratuiti agli abitanti, un bel gruppetto di giovani mascherine ha rallegrato le vie del paese in cerca di caramelle e dolcetti. Scrive ancora Traversaro: «Molto partecipata anche la cena della Giubiaccia, dove la presenza di tante persone in maschera ha creato un piacevole clima conviviale e carnevalesco. Venerdì 24 febbraio al teatro del centro polifunzionale Fra' Dolcino, è stata organizzata una partecipata serata danzante, presieduta dalle maschere ufficiali di Campertogno, Raviccia e Ravicciun, ed arricchita dalla presenza di altre maschere valsesiane».  Sabato i volontari del comitato hanno allestito la piazza centrale del paese con le attrezzature necessarie all'appuntamento di domenica. Si è poi proceduto alla cottura del bollito, tra giochi, scherzi e una sostanziosa merenda che ha coinvolto anche vari passanti. Nel frattempo i più piccoli sono stati intrattenuti presso il teatro con musica giochi, premi e merenda offerti dal comitato. In serata ci si è nuovamente riuniti per la tradizionale cena del risotto, animata dalla speciale “Campertombolata”.  Domenica  la giornata è stata prima di tutto allietata da favorevoli condizioni meteo; i fuochi accesi  sotto le "caudére" in piazza “Gilardi” hanno brillato allegramente, allietando tutti i partecipanti alla 71ª “paniccia”. Le "caudére" sono state benedette in mattinata dall'arciprete don Marco Barontini e il minestrone è stato puntualmente distribuito a mezzogiorno, mentre di era radunata una bella quantità di persone,  con quell'allegra varietà di contenitori che caratterizza il ritiro della “paniccia”. Ricorda ancora Traversaro: «Nel pomeriggio, nella sale del teatro, si è proceduto all'estrazione dei premi offerti dal comitato, con la lettura della ”Cansun ad Carlavé” e con la presentazione del nuovo stendardo; sono seguiti i saluti e i ringraziamenti da parte del presidente del Comitato carnevale, Robertino Lora Moretto, e gli incoraggiamenti da parte del sindaco,Paolo Vimercati, e del vicesindaco, Germano Giacobini».
Sabato 18 marzo i filmati
Campertogno  da appuntamento alle manifestazioni di carnevale del prossimo anno, e ricorda l'appuntamento conclusivo di sabato 18 marzo: alle 19 direttamente al teatro del centro polifunzionale Fra' Dolcino, sarà possibile assistere ad una spiritosa proiezione di immagini dei recenti festeggiamenti; alle 20, seguirà la “Cena dei nervetti e dei resoconti”.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...