Notizia Oggi

Stampa Home

Carnevale Bulliana compie 50 anni e premia le maschere

Il divertimento è stato il filo rosso delle manifestazioni
Articolo pubblicato il 09-02-2018 alle ore 11:21:32
Carnevale Bulliana compie 50 anni e premia le maschere  1
Carnevale Bulliana compie 50 anni e premia le maschere 1

Mezzo secolo di storia per il carnevale di Bulliana. Lo scorso fine settimana "è andata in scena" l’edizione numero 50 di una delle iniziative più consolidate non solo di Trivero ma anche del Biellese. Un’iniziativa portata avanti dai volontari del Comitato benefico bullianese iniziata nel 1968 e che dimostra di essere ancora in ottima salute.

 

Il primo appuntamento è stata la cena nei saloni della locale cooperativa. Pochi giorni fa il carnevale vero e proprio, con tante mascherine che si sono date appuntamento con le due maschere del paese, il Bianin e la Bianin’a (Alberto Garbaccio Gili e Marta Ronzani) nel cortile dell’asilo, dove era presente anche il gruppo degli “Animatori avveniristici”. Gli alunni delle scuole materne ed elementari erano in gara per le maschere migliore. Gli animatori hanno fatto divertire i partecipanti, poi il gruppo si è trasferito nella ex scuola per la merenda in allegria. Al termine, la consueta assegnazione dei trofei. Per la categoria piccoli (fino alla prima elementare) premiati Anna Smit e Filippo Pellegrini, unica maschera. Per la categoria medi (terza e quarta elementare) premio a Rebecca Crocco. Per la categoria grandi (quarta e quinta elementare) premiato Gabriele Bianchetto. Il premio Bianin per la migliore maschera maschile assegnato a Francesco Nosenzo; il premio Bianin’a per la migliore maschera femminile è invece andato a Giulia Agostinetto.


A concludere la giornata, la “merenda cenoira” che ha riunito tutti di nuovo nei saloni della cooperativa, conclusa con un brindisi con la “camomilla dell’alpino”, tisana poco adatta per chi non regge l’alcol.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...