Notizia Oggi

Stampa Home

Cavallirio da record, raccolti 3500 euro alla cena di Natale

D'Aguanno, Luotti e il parroco Trombetta a Visso per la consegna delle offerte
Articolo pubblicato il 28-12-2016 alle ore 11:42:54
Cavallirio da record, raccolti 3500 euro alla cena di Natale 2
La distribuzione della polenta: un momento della cena pro terremotati che si è svolta a Cavallirio

Dalle Colline Novaresi al Maceratese colpito dal terremoto: in occasione dell’evento “Vivi il Natale”, organizzato dal Comune di Cavallirio con la parrocchia e le associazioni del paese, si è tenuta anche una cena benefica a favore del comune di Visso, paesino montano colpito dal sisma a ottobre.

Circa 130 le persone che hanno preso parte alla serata allietata dal coro “Music lab” di Romagnano. Fra le quote raccolte con la cena e le offerte, devolute dai cavalliresi non presenti all'evento, sono stati raccolti circa 2000 euro. A questi occorre aggiungere 1.500 euro attinti dal fondo sociale istituito dall’amministrazione di Cavallirio. Si tratta di un fondo alimentato dall’indennizzo a cui rinunciano i due assessori e alla metà dell’indennizzo del sindaco: ogni anno, questi fondi vengono usati per emergenze o per aiutare persone in difficoltà. Il sindaco Vito D’Aguanno, il vicesindaco Fausto Luotti e il parroco don Fulvio Trombetta si sono recati personalmente a Visso per consegnare nelle mani degli amministratori i 3.500 euro raccolti.

«Ringraziamo – sottolinea D’Aguanno – tutte le associazioni del paese, la parrocchia e tutti i cavalliresi che hanno sposato la nostra iniziativa». La delegazione ha ricevuto il commosso ringraziamento della rappresentanza di Visso, felici di essere stati aiutati anche in un momento in cui l’attenzione sulle zone terremotate è meno intensa.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...