Notizia Oggi

Stampa Home

Chiodi e viti contro le auto dei cacciatori

Le doppiette hanno anche protestato a Torino
Articolo pubblicato il 18-06-2016 alle ore 08:25:20
Chiodi e viti contro le auto dei cacciatori 3
Cacciatori valsesiani alla protesta di Torino

Chiodi e viti a punta disseminati sulle strade interpoderali contro i cacciatori che sparano ai cinghiali. A denunciare questi episodi, diventati ormai frequenti, è la Coldiretti Vercelli-Biella, che ha anche presentato una segnalazione ai vertici della prefettura: «Le aziende agricole  vedono sistematicamente distrutte  semine, germogli ed il cotico erboso - spiega il presidente dell’ente Paolo Dellarole  -, con ingenti danni di carattere economico.  Senza contare il grave pericolo che i cinghiali rappresentano per la circolazione stradale. E’ noto che la   loro presenza, numerosa e invasiva, viene segnalata su strade di notevole frequenza».

Da qui la rabbia della Coldiretti verso chi cerca di fermare il lavoro dei cacciatori:   «Sono  fatti incresciosi e criminosi - prosegue Dellarole -. I chiodi vengono piantati nel terreno oppure disseminati lungo il percorso; è facile pensare che siano tesi a dissuadere e disturbare le azioni dei selecontrolli destinate al contenimento dei selvatici. Anche nelle province di Vercelli e Biella la sicurezza nelle aree rurali è messa sempre più in pericolo per il proliferare di animali selvatici come i cinghiali, e non solo, che stanno invadendo campi coltivati, centri abitati e strade». 

Ma i problemi per i cacciatori non si fermano qua: l'altra settimana c’era anche una rappresentanza della Valsesia tra le migliaia di doppiette che si sono date appuntamento a Torino per manifestare contro la Regione. In particolare i cacciatori contestano il calendario venatorio e il divieto di caccia a pernice bianca, lepre variabile e allodola, decisi dal Consiglio regionale.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...