Notizia Oggi

Stampa Home

Chirurgia a Borgo ridotta in estate? Il ''no'' della Lega

Potrebbe esserci la soppressione degli spazi al terzo piano
Articolo pubblicato il 31-05-2017 alle ore 13:20:55
Chirurgia a Borgo ridotta in estate? Il ''no'' della Lega 1
Chirurgia a Borgo ridotta in estate? Il ''no'' della Lega 1

La sezione provinciale della Lega Nord non ci sta alla possibile riduzione della attività chirurgica all'ospedale. «In vista dell’estate - spiega il segretario Paolo Tiramani - l’azienda sanitaria sta valutando la possibilità di ridurre l’attività chirurgica, che verrebbe ridimensionata in uno spazio più stretto. In particolare non si utilizzerebbe più il terzo piano dell’ospedale, ma verrebbe tutto accorpato al secondo. Come Lega faremo sentire la nostre voce affinchè ciò non accada e chiediamo alla direzione generale di ripensare a questa eventualità. Peccato che il confronto non sia così semplice: i vertici Asl non ascoltano il territorio, nè i medici. Al Santissimi Pietro e Paolo non si vedono mai, per incontrarli occorre andare alle serate organizzate dal Pd».

Di recente l’assessore regionale alla sanità Antonio Saitta ha detto che il punto nascite dell’ospedale di Cascine Agnona non chiuderà: «Sono molto bravi a fare questi annunci in pompa magna, come è stato per l’emodinamica, ma il merito non è certo del Pd, nè locale nè regionale, che ha solo pensato a tagliare. Basti pensare che fino a tre anni fa avevamo sette primari, ora siamo scesi a tre. Il merito dei successi va semmai agli operatori che lavorano sul campo; al dottor Negrone per esempio, che ha aumentato e di molto il numero dei parti, e al dottor Rametta, che ha ereditato un reparto di cardiologia ultimo in Piemonte : ora è tra i primi sette». Tiramani si chiede quale sarà il futuro dell’ospedale: «E’ stato assunto un otorino, che però si deve dividere tra due sedi e le problematiche sono evidenti; urologia nel weekend è assente e la pediatria resta un enigma. Però poi la direzione generale e l’assessore regionale ci vengono a dire che hanno salvato la sanità. Con loro al comando mi chiedo che fine farà il nostro ospedale».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...