Notizia Oggi

Stampa Home

Coggiola, troppe vecchie baite ''condannate'' dalle tasse

Articolo pubblicato il 26-08-2017 alle ore 13:22:38
Coggiola, troppe vecchie baite ''condannate'' dalle tasse 3
Coggiola, troppe vecchie baite ''condannate'' dalle tasse 3

Recuperare le antiche baite nella zona di Coggiola: un’idea che arriva da alcuni utenti di Facebook, dispiaciuti nel vedere il decadimento degli insediamenti storici. Si tratta perlopiù di vecchie baite sui monti, anticamente usate come alpeggi e in seguito abbandonate per via del boom economico del tessile.Oggi le vecchie baite rappresentano solo un’imposta in più da pagare per i proprietari e così sempre più spesso vengono abbandonate e lasciate al proprio destino. Tant’è che si sospetta che alcuni casi il “cedimento” del tetto non sia dovuto alle intemperie ma alla mano del titolare stesso, che in questo modo può chiedere l’esenzione. 

Qualche anno fa il Catasto aveva proceduto a una mappatura mediante drone, per poi confrontare i dati. Oltre a capanni e depositi, una buona fetta riguardava immobili rurali che ormai non lo sono più, infatti per mantenere le esenzioni i proprietari devono dimostrare di esser registrati imprenditori agricoli iscritti alla Camera di commercio. E nei mesi scorsi sono arrivate anche le imposte da pagare per queste vecchie baite che sono diventate sempre più un peso per i titolari. 

Diverse le idee lanciate per recuperarle: c’è chi propone di recuperare gli antichi nuclei per riqualificarli e realizzare strutture turistiche. Con i vari bandi di fondi europei aperti, magari qualche possibilità potrebbe venire fuori. Nonostante appelli e progetti, ormai le baite a Coggiola sembrano rappresentare un peso e basta.  E dire che in passato questo angolo di montagna venne definito “La piccola Svizzera del Bielles”.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...