Notizia Oggi

Stampa Home

Con ''Giovani in banda'' Romagnano accoglie più di cento musicisti

Articolo pubblicato il 29-10-2017 alle ore 17:00:02
Con ''Giovani in banda'' Romagnano accoglie più di cento musicisti 3
Con ''Giovani in banda'' Romagnano accoglie più di cento musicisti 3

Romagnano “capitale” delle bande musicali. In queste settimane il paese è al centro di un importante progetto organizzato dall’ Associazione Nazionale Bande Italiane Musicali Autonome. Con l’iniziativa “Giovani in banda”, finanziato dalla Regione e promosso da Anbima, infatti, Romagnano ha modo di ospitare 102 giovani musicisti e sette docenti di grande importanza nel panorama musicale. In cattedra ci sono Ercole Ceretta per la tromba, Valerio Maini per il corno, Graziano Mancini per il clarinetto, Carmelo Gullotto per le percussioni, Marco Iorino per il flauto, il romagnanese Claudio Allifranchini per il sassofono e il docente del Conservatorio Cantelli Corrado Colliard.

Il primo incontro si è tenuto domenica 15 e i successivi sono in programma per il 5, il 12 e il 25 novembre. «Siamo molto contenti di avere l’opportunità di avere in paese la presenza di questi docenti musicisti davvero importanti – racconta Giorgio Rondi, vicepresidente della banda di Romagnano – hanno saputo approcciarsi nel modo migliore con noi dilettanti. Sono partiti dalle basi e al tempo stesso hanno portato con sé le loro esperienze personali, condividendo degli aneddoti, fornendo consigli ai ragazzi anche sulla base della loro esperienza diretta. È stato davvero bello, poi, suonare tutti insieme». Fra gli allievi soprattutto giovani, provenienti dalle province di Novara e Vercelli, ma non solo: «L’iniziativa ha destato interesse anche fra i componenti già effettivi».

I musicisti più giovani, in ogni caso, rimangono un prezioso “patrimonio” per la musica: «A Romagnano lavoriamo molto con i giovani – illustra Rondi – è appagante per noi vedere che la nostra passione viene trasmessa ai ragazzi, che portano avanti quelle che sono le nostre attività e al contempo portano il loro entusiasmo». Gli incontri si svolgono in diversi punti del paese: «Vogliamo ringraziare per la loro disponibilità a concederci gli spazi don Gianni, il Museo Etnografico, il Centro Anziani e l’amministrazione comunale» conclude il vicepresidente.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...