Notizia Oggi

Stampa Home

Confraternite di Romagnano salvano la Madonna con il Bambino

Qualche sera fa
Articolo pubblicato il 30-01-2018 alle ore 16:48:33
Confraternite di Romagnano salvano la Madonna con il Bambino 3
A Romagnano

È stata inaugurata qualche sera fa nella chiesa abbaziale di Romagnano la pala lignea dedicata alla Madonna con il bambino, Santa Marta e San Gaudenzio, sottoposta a un importante restauro. Sono numerosi gli appassionati e i semplici curiosi che hanno preso posto fra i banchi della chiesa di San Silvano per vedere l’opera rinnovata. La pala sarà poi collocata nella cappella di Santa Marta.
A finanziare il restauro sono state le confraternite del Corpus Domini e della Madonna Addolorata, che il parroco don Gianni Remogna ha ringraziato.

«Fra i compiti della Confraternita – ha ricordato Giuseppe Ruga, del Corpus Domini, su incarico del priore – c’è anche quello di tenere vive le tradizioni legate alla liturgia. Abbiamo pensato di restaurare la tavola lignea per la presenza, nel dipinto, di due disciplinari di santa Marta: si tratta, in un certo senso, di confratelli, seppur di qualche secolo fa. L’impegno economico richiesto per le operazioni, però, era importante e ci siamo resi conto che non avremmo potuto farcela da soli. Abbiamo quindi chiesto alle consorelle dell’Addolorata, che sono state disponibili a dividere a metà i costi».

La Confraternita del Corpus Domini è impegnata già da tempo nella cura dei beni artistici religiosi: grazie a loro sono stati restaurati, fra le altre cose, una bacheca lignea della Congregazione della Gioventù e i bastoni utilizzati dalle Confraternite durante le processioni. Le consorelle, a loro volta attive nell’ambito, hanno accolto con favore la proposta: «Riteniamo fondamentale – ha spiegato la priora Carla Scolari Cacciami – recuperare queste forme di preghiera, soprattutto in questo periodo storico di crisi dei valori, affinché anche le nuove generazioni possano venirvi in contatto». Paolo Mira, direttore dell’ufficio per i Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Novara, si è complimentato: «Non possiamo che essere felici vedendo una comunità che si impegna a conservare i propri beni».

Anche Massimiliano Caldera, funzionario della Soprintendenza, si è congratulato con le Confraternite. Ha inoltre ripercorso il lavoro eseguito dal restauratore Maurizio Guidotti Sottini, che non ha potuto essere presente. Il funzionario ha spiegato che il supporto è stato trovato in buone condizioni, mentre il dipinto presentava alcune zone critiche. Risultato, probabilmente, di attenzioni elargite in buona fede ma da mani inesperte nei secoli scorsi: in passato, per esempio, capitava che i dipinti venissero puliti con la soda caustica, per ravvivare il colore. Tale pratica, però, rovinava alcuni tratti. «Il restauratore ha saputo restituire all’immagine la sua perfetta leggibilità».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...