Notizia Oggi

Stampa Home

Crevacuore e dintorni, messe feriali a rischio

Mons. Albertazzi: "Non è obbligatoria e non ho il dovere di celebrarla"
Articolo pubblicato il 11-02-2016 alle ore 14:03:03
Crevacuore, messe feriali a rischio 3
Monsignor Alberto Albertazzi

La messa feriale non è obbligatoria e il parroco non ha il dovere di celebrarla.

A comunicarlo ufficialmente, attraverso il bollettino parrocchiale, è monsignor Alberto Albertazzi che scrive: “Non esiste alcun obbligo di partecipare alla messa feriale e io, in qualità di parroco, non ho alcun dovere canonico di garantirla. Infatti vi sono parrocchie che da decenni ne sono prive. La messa nasce come rito domenicale, ma la Chiesa da subito ci ha preso gusto e l’ha spalmata in tutta la settimana”.

Una pratica che, in passato, veniva rispettata da molti fedeli ma che nel tempo è andata perdendosi.

“Attualmente celebro la messa feriale  il martedì e giovedì a Villa del Bosco, a Casa Santa Rita, e il venerdì in casa di riposo a Crevacuore - spiega ancora monsignor Albertazzi -. Restano liberi il lunedì e il mercoledì. La messa in queste due giornate funziona molto bene d’estate, nelle chiesette di periferia di Crevacuore che si riempiono. D’inverno ultimamente nella cappella dell’asilo mi trovavo con tre o quattro benemerite signore”.

E così il parroco ha provato a cercare soluzioni: “A titolo sperimentale l’ho trasferita alla Guardella, senza risultati apprezzabili. Perché una messa abbia senso possiamo prendere come numero di riferimento i tredici commensali dell’ultima cena dove l’Eucarestia  è nata. Arrotondiamo per difetto e accontentiamoci di una decina di persone se riusciamo a racimolarle”.

Don Albertazzi non perde le speranze: “Faccio un altro tentativo: la messa feriale gironzolando tra le varie chiese, gli altari non mi mancano. Sarà necessario valutare se il riscaldamento, laddove c’è, si giustifica in rapporto alla consistenza dell’assemblea. Staremo a vedere”. Insomma, celebrazioni feriali a rischio se non ci sarà un riscontro.

Proprio monsignor Albertazzi aveva sottolineato in passato la penuria di parroci in zona e la necessità di ridurre le funzioni religiose. Non va infatti dimenticato che, oltre alle chiese di Crevacuore, monsignore si occupa di Caprile, Guardabosone, Ailoche, Pianceri basso, Pianceri Alto, Flecchia e pure Postua.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...