Notizia Oggi

Stampa Home

Da Portula all'Irlanda per costruirsi un futuro insieme

In Italia lavoro precario e sottopagato, Oltremanica posto fisso in clinica
Articolo pubblicato il 20-04-2016 alle ore 10:01:33
Da Portula all'Irlanda per costruirsi un futuro insieme 3
Alin ed Eleonora

Giovani, innamorati e con l’ambizione di avere un'occupazione sicura.

Ma l’Italia non riesce a garantire tutto questo e così due ragazzi, sfiduciati dal lavoro precario e sottopagato che avevano, hanno deciso di guardarsi attorno e cercare una soluzione altrove. L’hanno individuata in Irlanda, dove si sono trasferiti, in un piccolo centro trovando sin da subito un lavoro in una struttura sanitaria.

Sono Alin Oanca di Portula ed Eleonora Morezzi di Masserano: sfiduciati dal lavoro precario e sottopagato in Italia. Si sono innamorati da giovanissimi, hanno cercato un futuro insieme ma per realizzarlo con un po’ di tranquillità hanno dovuto salutare amici e genitori trasferendosi oltre Manica dove hanno trovato un lavoro. E’ la storia che si ripete e che vede protagonisti tantissimi giovani del nostro territorio costretti a lasciare la propria terra per inseguire un sogno, ma affrontare il passo insieme a volte è difficile. Invece Alin ed Eleonora sono andati alla scoperta della nuova avventura.

«Volevamo un futuro - raccontano - dopo tanto precariato e abbiamo trovato una occasione».

Anche i genitori, seppur poco contenti di vederli lontani da casa, hanno appoggiato la scelta: «Erano sfiduciati dal lavoro precario e sottopagato in Italia. Hanno realizzato il loro sogno di un lavoro a tempo indeterminato e ben retribuito. Si sono trasferiti in Irlanda nella città di Waterford nella clinica di Havenwood dove, da due settimane lavorano con soddisfazione. Sono stati accolti dai dirigenti e dal rappresentante locale di Eures, la ditta per cui lavorano».

Il sogno può iniziare dunque, anche se purtroppo lontano da casa e dagli affetti. Ma Alin ed Eleonora hanno deciso di lanciarsi in questa nuova avventura insieme iniziando a costruire in modo serio e positivo il proprio futuro.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...